sabato 11 ottobre 2014

Recensioni: Lyoness : opportunità o fregatura ?

Recensioni: Lyoness : opportunità o fregatura ?

Anche se mi hanno detto di non farlo per motivi che molto presto il titolare di questo blog capirà, ho deciso di inviarmi un po' di materiale...

Capisco che molti di voi si fermeranno prima di aver letto... Molti di voi non accetteranno di non essere in grado di capire quello che stanno leggendo... Molti di voi non sapranno mai nulla di Lyoness ma continueranno a ragliare.. Molti di voi, o la stessa persona con nick diversi?..

Ah ah ah , moralizzatore fatti psicanalizzare

http://lyonessverita.altervista.org

P.s.

In 6 mesi incassato oltre 12 mila euro e sapete quante tessere ho fatto? 16 si avete lette bene, non 1600 o 160... SEDICI, moralizzatore fatti curare...

venerdì 12 settembre 2014

Basta dare contro il Movimento...

Che articolo!!! Da Premio!!! Questa si che è informazione...
Giulia Zaccariello veramente brava...
Per chi conosce me e l'ambiente del Movimento 5 Stelle, la prima riflessione è:
"Questo è un articolo per infangare l'unica forza di opposizione presente in Italia."
Perchè o riporti tutta la mia storia e la storia delle vicende che mi hanno visto protagonista, ma devi essere informata e corretta e scrivere almeno tre pagine, oppure sei uguale a quei giornalisti di Repubblica, che hanno scritto su di me, cose non vere e, dopo regolare querela per diffamazione, vengono sanzionati per aver riportato dei virgolettati che io non ho mai espresso, ma di loro non si parla. (vedi Silvia Bignami).  Vicenda pubblica da mesi sulle mie pagine di Facebook, bastava leggerle, ma poi bisognava anche riportarle...
Iniziamo dalla fine, spero che la Zaccariello prenda nota.
Primo. Quando sei sanzionato (tra l'altro per non aver commesso nulla) da un consiglio presieduto da chi pochi mesi dopo è stato iscritto nel registro degli indagati per falso in atto pubblico e truffa aggravata, lo ritengo un vanto.
Non sto a sprecare tempo e spazio sulla pagina per riassumere la mia vicenda, lo doveva fare l'arguta giornalista scorrendo sempre su Facebook, andando indietro di un paio d'anni...
Secondo. Vicenda IDV. quando mi sono candidato la prima volta, il Movimento 5 Stelle non esisteva proprio era il 2004. Ma esisteva un cronista radiofonico che sul suo sito (bananasport.net) e in radio riportava fedelmente, già dal 2001, ogni link riguardante il blog di Beppe Grillo.
Quel cronista ero io.
Nel 2009 alle elezioni comunali mi presentai come riempi lista dell'IDV, per correttezza nei confronti delle persone che avevo frequentato fino a quel momento con i quali mi ero battuto per mesi ai banchetti, raccogliendo le firme per i vari referendum che anche Beppe Grillo sosteneva.
Passate le elezioni ho abbandonato definitivamente quel partito e ho contribuito con il mio video (registrato da Nikilnero, all'interno del negozio di Massimo Bugani) e con le mie dichiarazioni alla GdF, a smascherare quel qualcosa che non funzionava nel partito locale e che avevo già denunciato con lettera privata al Presidente dell'IDV Antonio di Pietro.
Anche questo è pubblico da anni, ma bastava essere giornalista...
Terzo. Dovesse lo Staff del Movimento decidere di estromettermi, nessun problema, continuerò a sostenere l'unica speranza per il nostro Paese...
Quarto. Io ho partecipato anche alle selezioni per le candidature Europee ed è stato proprio il Movimento 5 Stelle, come ha fatto con tutti quelli iscritti che hanno i requisiti a contattarmi, la Zaccariello questa notizia l'ha persa, se no il Premio per i suoi super articoli, l'avrebbe vinto qualche mese fa...
Domanda, ma la notizia dov'è???
P.S. La Zaccariello ha mai riportato sulla cronaca locale le inchieste e le interviste fatte dal sottoscritto insieme a Nik Ilnero che hanno avuto spazio anche nei TG1 della RAI in prima serata o in altri talk show politici? Non mi pare...
Ehh siiii, mare proprio un articolo contro il Movimento, l'ennesimo e non sarà l'ultimo...

martedì 29 luglio 2014

Lasciamo il Parlamento...

L'ho scritto mesi fa, subito dopo la prima ghigliottina applicata dalla Boldrini.
Oggi mi ripeterò.
Sto seguendo i lavori del Senato.
Non ha più senso che il Movimento 5 Stelle, resti nelle aule parlamentari.
Il comportamento dei partiti di maggioranza e non, e' una cosa che fa vergognare di essere cittadino di questo Paese.
Stanno distruggendo la Costituzione.
Stanno mortificando un intero popolo, spogliandolo dei propri diritti.
Tutto voluto e stabilito da un accordo segreto avvenuto all'interno della sede del PD tra un mai eletto da nessuno e un condannato in via definitiva per frode fiscale che ancora oggi decide il bello e il cattivo tempo.
Tutto questo con il benestare del peggior Presidente che questa Repubblica abbia mai avuto.
Quindi lo ripeto ancora una volta rivolgendomi a chi può farlo e cioè a Beppe Grillo.
Ritira il simbolo.
I parlamentari, deputati e senatori capiranno, lasceranno le aule e saranno al tuo fianco anche nelle prossime battaglie.
Saranno ancora al tuo fianco e al fianco dei cittadini, al fianco del popolo italiano nelle vie, nelle piazze, ovunque sia possibile, portando il verbo del VERO CAMBIAMENTO.
Gli italiani ti seguiranno, e' l'unica e, forse, l'ultima spiaggia per dare un segnale forte contro questa casta che non molla e non mollerà mai...
Di un gesto del genere, ne parlerebbe il mondo intero e probabilmente si tornerebbe a elezioni nel giro di pochi mesi e sarebbero quelle decisive.
I cittadini sarebbero costretti a decidere se stare con la MAFIA o con il VERO CAMBIAMENTO.
L'UNICO CAMBIAMENTO POSSIBILE.
Dovesse andare male, nessun problema.
Quando uno da il massimo, come hai dato tu, anzi quando uno come te ha dato tutto, cosa gli si può chiedere di più?


lunedì 21 luglio 2014

Mi spiegate il senso?

Basta incontrare Renzi.
Basta incontrare quelli del PD.
Che senso ha?
Mettiamo che realmente inseriscano anche solo due punti, ma anche uno solo di quelli presentati dal Movimento 5 Stelle, cosa cambierebbe?
Per me nulla, anzi andrebbe peggio perché il Movimento risulterebbe artefice dei cambiamenti voluti eslusivamente dal PD e da Forza Italia.
Qualcuno può spiegarmi il senso?
Io non incontrerei più nessuno e li lascerei nella propria merda...
Anche perché se tu non sei merda, ma le stai molto vicino, alla fine puzzi come lei...

lunedì 7 luglio 2014

Io non mollo...


Come ampiamente detto in anticipo, ecco arrivata la fine della storia:
" o scrivete un documento, oppure non se ne fa nulla..."
Con una frase simile, il PD(ue), ha liquidato non solo il Movimento 5 Stelle, ma migliaia di cittadini che hanno scritto, corretto e votato la riforma elettorale...
Nonostante il Mov5Stelle avesse aperto in otto punti su dieci, NIENTE, NESSUN CONFRONTO, in barba al Paese..
Il patto PD - FI tiene alla grande.
Il mai eletto da nessuno condannato in primo grado per danno erariale e il condannato in via definitiva per frode fiscale, si trovano lontano dagli occhi di tutti, prendono accordi e vanno avanti.
Il tutto benedetto dal Monarca Re Giorgio I, autoelettosi al secondo mandato.
Il futuro dei nostri figli e nipoti non puo' essere deciso da questi mentitori seriali che pensano solo ai propri affari...
Questa è la situazione.
A voi va bene? Bè peggio per voi...
A me non va bene e combatterò fino alla fine con ogni mezzo lecito, per fermare questa vergogna.
Spero di non rimanere da solo.


domenica 6 luglio 2014

Ma chi te lo fa fare?

Riassumiamo le vicende degli ultimi giorni.
Il Movimento 5 Stelle si conferma disponibile ad un ulteriore confronto sulla legge elettorale per dare al Paese governabilità e stabilità.
Il PD frena a seguito delle divergenze delle correnti interne.
Renzi allora minaccia di inserire le preferenze obbligatorie, come se fosse un Monarca dai pieni poteri e considera, in tal modo, i cittadini dei sudditi.
Nel frattempo Governo, Pd, FI e Lega votano a favore dell'immunità parlamentare.
Fine primo atto. Applausi...
Secondo atto, silenzio in sala prego...
Dopo il primo incontro tra il mai eletto da nessuno ex sindaco di Firenze condannato in primo grado per danno erariale e il Movimento 5 Stelle, il condannato in via definitiva Silvio, ha ribadito che l'accordo del Nazareno tiene.
Nessuno del PD ha detto beo... anzi c'è chi ha detto che gli accordi vanno mantenuti...
Renzi attacca l'Europa dei tecnocrati e riceve applausi, Grillo lo fa da sette anni, ma viene considerato un pazzo.
I giornali passano il tempo a raccontare che il Movimento e' sempre più spaccato, inserendo qualche notizia bomba, tipo gli occhiali griffati di Beppe Grillo.
I telegiornali preferiscono parlare della vicenda della povera Yara, dei Mondiali Brasiliani e come difendersi dal sole estivo...
A livello locale il territorio e' sempre più devastato. Giunte di centro di destra e di sinistra ( ma esiste ancora?) continuano a cementificare e a sfornare infrastrutture che non serviranno a un cazzo se non a far ingrassare gli amici degli amici, cooperative comprese, e le varie mafie che si beccheranno gli appalti.
Gli elettonti continueranno a votare sempre gli stessi partiti, senza capire che stanno accelerando il declino dell'Italia ormai in fin di vita...
A settembre tornerò in diretta radio e televisiva e ricomincerò ad occuparmi di queste stronzate...
Mi chiedo, ma chi me lo fa fare?
P.s.
Vale anche per Beppe Grillo, Ma chi te lo fa fare?  Questo Paese non ti merita.

giovedì 19 giugno 2014

Pantalone non paga mai

L'Europa applica una procedura di infrazione allo Stato Italiano perché non vengono pagati i debiti della Pubblica Amministrazione.
Il nostro paese e' il peggior pagatore d'Europa per quel che riguarda i propri debiti.
La regola prevede trenta giorni, sessanta in casi eccezionali.
I creditori vengono saldati dopo centottanta giorni...Quando va bene... 
Molti di loro proprio, per la mancata riscossione dei propri crediti, sono falliti e i dipendenti sono stati licenziati. 
Qualcuno, dalla disperazione si è suicidato.
Bene ha fatto l'Europa ad intervenire....
Ma c'è  qualcosa però che non torna. 
I vari governi non hanno provveduto a migliore la situazione e non si sono messi in regola. 
La sanzione, che arriverà sicuramente, secondo voi chi la pagherà? 
Noi, i cittadini italiani, tutti, compreso quelli che avanzano i soldi dallo stato stesso...
Si potrebbe parlare di burla, ma non lo è.
Perché non pagare l'infrazione andando a prendere i soldi dal portafoglio dei politici che si sono succeduti sulle poltrone dei vari governi passati? 

lunedì 16 giugno 2014

Con il cappio al collo

Mi è stato chiesto cosa penso dell'apertura di Grillo e Casaleggio nei confronti di Renzi.
La stampa di regime continua a fare il suo sporco lavoro a favore di chi li finanzia, parlando di apertura dopo le proteste dei parlamentari. Ma per favore...
Mentre  qualche direttore leccaculo di passaggio,  mette in guardia Renzi, dicendo che ormai il Movimento e' a pezzi e consiglia nessun incontro, ma di dare l'ultima mazzata ai Cinque Stelle.
La realtà e' un'altra.
Penso che per la prima volta l'ex Sindaco di Firenze abbia il cappio al collo.
La legge elettorale che il Movimento presenterà all'esecutivo, e' stata scritta e approvata da migliaia di cittadini italiani. Cosa farà ora il mai eletto da nessuno?
Renzi ha due strade.
Condividere una legge fondamentale per il nostro paese con chi si presenta con le firme di migliaia di elettori, oppure chiudersi di nuovo nella sede del partito insieme al condannato Silvio e decidere a scapito di tutti ma salvando se stessi.
La richiesta di dialogo di Beppe e Gianroberto, e' la miglior mossa degli ultimi mesi.
Adesso si scoprirà chi realmente tiene al Paese.
Se Renzi resterà sui suoi passi, confermerà di avere le palle nella morsa di Forza Italia.

lunedì 9 giugno 2014

SI POTRA' SOLO FARE MEGLIO...

Bologna, come eri bella.
Oggi non lo sei piu'. La colpa non è tua.
La colpa e di chi non ha piu' rispetto di te.
Un tempo non lontano, non era così e tu lo sai bene.
Noi cittadini ti rispettavamo, studenti compresi.
Te lo ricordi? Facevamo le ore piccole. Ma senza problemi.
Alle tre di notte il centro era pieno di gente, ci divertivamo, e tu ci accoglievi tra le tue mura di un centro medievale piu' bello al mondo.
Il più grande al mondo.
Unico al mondo. 
A volte facevamo un po' di casino, ma se uno si affacciava alla finestra e ci urlava: " BASTAAA", chiedevamo scusa e abbassavamo la voce o ce ne andavamo.
Anche allora giravamo con la birra in mano, come ora, ma allora gettavamo la bottiglia  nell'apposito bidone dell'immondizia. Quello grigio scuro e poi qualche anno piu' tardi nei cassonetti.
Ora no,  molti la tirano contro un muro...
Il tuo centro è pieno di cocci di vetro, mozziconi di sigarette, merde di cani e di cristiani, plastica ovunque, carta, cartoni e graffiti.
Già i graffiti, orribili, stupidi, senza senso, lontani da qualsiasi arte. Uno sfregio che nessuno vuole fermare.
I tuoi muri pieni di storia coperti da frasi inutili scritte da inutili idioti.
Un tempo non lontano, non era così. Ci avevano educato a rispettarti.
L'esempio veniva da chi, governando la citta', era riuscito a renderla famosa nel mondo intero.
Dozza, Fanti, Zangheri e pure Imbeni, quanto ci mancate...
Poi il declino...Giunta monocolore, di sinistra, di centro destra, mista, comune commissariato in mano alla Cancellieri, Dio ce ne scampi,  poi di nuovo mista... che pena....
Si sa, che se la testa puzza, figuriamoci la coda...
Ricordo che la giunta Vitali progettò il ripristino del tram... Apriti cielo.
Tutti contro il progetto, dai cittadini ai commercianti. Pure la Sopraintendenza boccio' il progetto.
Guazzaloca vinse le elezioni promettendo di togliere il cordolo da via Emilia Ponente.
Fai e disfa, fai e disfa, tanto pagano i cittadini.
Nacque la prima giunta di centro destra.
Ricordi meravigliosi di quei cinque anni. Il drago gigante tra le due torri. Lo spostamento di due statue. Le Gocce di Cucinella davanti Piazza Re Enzo, un crescendo di orripilanti progetti, sempre a spese dei contribuenti, sfociate con il progetto dei progetti.
L'indimenticabile, ahinoi, CIVIS.
Indimenticabile si, ma soprattutto per le tasche dei residenti.
Centottantadue milioni di euro per un mezzo pubblico che non ha mai percorso un metro. APPLAUSI.
Così come vinse le elezioni abbattendo il cordolo del tram della giunta Vitali, così Guazzaloca le perse, probabilmente anche per questo inutile e costoso progetto, e le perse contro Cofferati, detto lo Sceriffo...
La sua battaglia contro i lavavetri resterà sempre scolpita sui parabrezza degli automobilisti...
Già, la giunta del "cinese". Che tempi, che schifo...
Il PD non sapeva dove sistemare l'ex segretario della CGIL e nello stesso tempo bisognava riconquistare la città. Largo a Cofferati l'uomo venuto da Genova.
Ma si sa, agli elettonti puoi mettere anche una sedia come candidato, tanto la votano.
In campagna elettorale l'ex PCI,PDS,DS, ora PD si scaglio' pesantemente contro il CIVIS e, probabilmente, anche per quello vinse.
Ma pochi mesi dopo, la Provincia di centrosinistra che durante la giunta Guazzaloca ricorse al TAR per bloccare il CIVIS, si rimangiò tutto.
E venne l'epoca Zamboni. Costui entrato in giunta come assessore alla mobilità, uomo in quota a  Rifondazione Comunista, folgorato sulla VIABILITA' di Damasco, passo al PD.
Tanti come lui lo seguirono, alcuni da Presidenti di Quartiere, ora sono Assessori pure loro. Coincidenza?
Il CIVIS andò avanti, ma solo nel senso del progetto.
I cittadini spesero centinaia di milioni, ma come detto, quel mezzo pubblico non percorse mai un metro.
Bologna che ha sempre avuto a due passi dal centro strade larghissime e utilissime per far defluire la circolazione, soprattutto nei giorni di mercato, da allora si ritrova con strade dimezzate, code a qualunque ora, smog, inquinamento, pericoli... Grazie Zamboni, grazie Giunta Cofferati...
In quella giunta sedeva sulla poltrona all'Urbanistica un tale di nome Virginio Merola, che ora è pure Sindaco.
Ecco per me, l'attuale Giunta è la peggiore degli ultimi vent'anni.
Peggio di quella di Guazzaloca, di Cofferati, del Commissario Cancellieri, che tanto avrebbe potuto fare ma che non ha fatto, è peggio di quella di Delbono e ho detto tutto...
La Giunta targata Merola sta dando il colpo di grazia alla morente Bologna.
Piazze uniche, affascinati, rinascimentali, storiche, devastate con progetti che non trovano mai lo stop della Sopraintendenza ( e non mi spiego il perchè).
I turisti sono spaesati, arrivano e rinunciano pure a fare le foto. Le guide non si azzardano piu' a passare dal giardino del Pozzo... Non sanno cosa rispondere ai turisti visto che alcuni hanno chiesto. "ma c'è stata la festa della birra? " Ed anche: "Stanno girando un film?"
Magari. Quella piazzetta targata IKEA è costata solo trecentomila euro...
Ma non è tutto. Fittoni ovunque, di tutti i tipi e modelli. dal nome Bologna uno, Bologna due, etc.. che costano ai contribuenti centinaia di migliaia di euro e che oltre a deturpare la bellezza storica, sono pure pericolosi.
Per non parlare dei così detti salvagente. Aree sopraelevate delimitate da cartelli, piazzate in mezzo a ogni strada, larga o stretta che sia, dove ogni giorno qualcuno ci sbatte contro e qualcuno ci ha pure rimesso la salute.
Allargamenti di marciapiede nel centro storico, golfi inutili, inversione di sensi di marcia, restringimenti di corsie, e strade larghe e dritte come una freccia scagliata dall'arco di Ulisse fatte dai nostri avi, trasformate in stradine modello biscia come via Mazzini e via Emilia Levante. Piste ciclabili larghe 30 cm, si avete letto bene, alcune che finiscono contro una colonna o un palo della luce.
Ma il neo assessore Colombo ha voluto fare di più. LA TANGENZIALE DELLE BICICLETTE. in vista del futuro bike-sharing e cioè la possibilità di prendere in affitto le due ruote.
Grande, bell'idea... peccato che la tangenziale è sui viali, la zona piu' inquinata della città dove ora al posto del verde, c'è una gettata di cemento e catrame che presto le radici degli alberi disferanno.
Ma oltre al danno la beffa.
I cittadini dopo aver sostenuto quest'altra inutile spesa non avranno le biciclette in affitto, perchè dal Comune, proprio lo stesso assessore ha fatto sapere che non ci sono piu' i soldi per comprarle...
Centinaia e centinaia di milioni spesi in questi modi negli ultimi anni, mentre il manto stradale è tutta una buca.
Ma la Giunta Merola non si ferma.
Ora sono iniziati i lavori che trasformeranno e renderanno orribile Strada Maggiore e che dureranno sei mesi, dicono loro io scommetto di più, e per cosa?
Un'altro mezzo pubblico. Al posto del CIVIS, signore e signori il CREALIS. 
Un altro filobus e per farlo passare verranno tolti tutti i lastroni storici...
E per la Sopraintendenza? Tutto ok... 
Spero che riescano a far partire anche il People Moover, così tolto il dente tolto il dolore.
Dopo si potrà solo fare meglio...
Povera mia amata città che brutta fine e ho solo parlato del centro storico.
Se la guardo in periferia e inizio a descrivere il Comune Nuovo, il verde che sparirà in zona Meraville per dar posto ad un altro mega centro commerciale, e al mai abbandonato Passante Nord, c'è da piangere.
Una città gloriosa che non ha più un'anima, che non ha più un senso civico...
Ecco perchè chi butta una bottiglia di vetro in terra o piscia contro un muro e meno colpevole rispetto a chi con le proprie scelte ha reso questa città un cesso.
Manca solo la catenella e poi si potrebbe scaricare il tutto.

domenica 8 giugno 2014

La colpa siamo noi...

Ricapitoliamo.
Ex aree Falck e Marelli con la vicenda Penati,
Monte dei Paschi di Siena,
La vicenda Genovese
Expo,
Mose.
Giusto per citare le prime che mi vengono in mente,  in attesa del Tav.
Ogni giorno le magistrature italiane aprono inchieste su piccole medie e grandi opere e spesso tra gli indagati e poi rinviati a giudizio, ci sono esponenti del PD.
I giornali, mantenuti dagli stessi partiti che finiscono per essere coinvolti nelle vicende giudiziarie, fanno il loro sporco lavoro.
Alcune inchieste su questa carta da culo, sono già passate oltre pagina venti e nei telegiornali ogni tanto c'è un accenno, proprio se non possono farne a meno.
Ora sui media tiene banco il semestre europeo, come se per l'italia contasse qualcosa.
L'altro ieri al vertice dei capi di stato a margine del G7, , Renzi e' stato messo alla porta a dimostrazione di quanta poca credibilità ha questo non eletto da nessuno.
L'Italia guidata dall'accopiata PD-Forza Italia, risulta poco credibile al resto del mondo, le decisioni politiche economiche vengono prese senza che il governo Italiano ne sia partecipe.
E gli investitori scappano, ma tutto questo agli elettonti italiani non basta e non basterà.
Se si dovesse tornare a votare anche solo tra un mese, ridarebbero la fiducia a questa classe politica che ha ridotto in macerie il nostro Paese.
La colpa siamo noi...

domenica 1 giugno 2014

Se vuoi contare in Europa, devi allearti.

Una settimana fa, molti cittadini italiani, senza sapere per cosa e il perchè, andavano a votare PD  per le Elezioni Europee.
Molti ultra ottantenni, trascinati da parenti (serpenti) indegni, si sono recati alle urne con flebo e bombole di ossigeno, per mettere una croce, pardon, tentando di mettere una croce sul simbolo del PD senza riuscirci e scrivendo RENZI, a dimostrazione che non sapevano assolutamente nulla di quel che facevano.
Posso scriverlo senza contestazione alcuna, perchè ero rappresentante di lista e nel mio seggio oltre venti schede elettorali sono risultate come ho appena descritto.
L'assenza sbagliata di milioni di cittadini, sempre restii a recarsi al voto per le Elezioni Europee, permette al neo PDC (Partito Democratico Cristiano) di fare un grande risultato.
Il Movimento 5 Stelle in percentuale, perde un milione di voti. Ma ha la consapevolezza che quasi sei milioni di cittadini credono al Movimento di Beppe Grillo.
Da questo dato il Movimento deve ripartire mettendo da parte contestazioni interne su quali toni si sarebbero dovuti usare in campagna elettorale.
Ha ragione Massimo Bugani, consigliere comunale a Bologna quando dice che i toni da usare erano quelli giusti. 
Si ricordino i contestatori che quei toni sono gli stessi che hanno permesso loro di diventare parlamentari...
Veniamo alle Elezioni Europee.
In Europa se non hai il numero sufficiente per formare un gruppo parlamentare, se vuoi contare qualcosa, se vuoi provare a dire la tua, devi allearti.
Il Movimento non poteva assolutamente allearsi con i Verdi dopo tutto quello che avevano detto su Grillo e il Movimento stesso e bene ha fatto il Blog a ribadirlo.
Beppe Grillo ha sondato l'unico partito presente in Europa con il quale puo' allearsi. l' Ukip.
Chiaramente i media fanno il loro sporco lavoro a favore del regime.
Uno dei tanti titoli:
"Il Movimento si allea con il partito di estrema destra".
Si parla di questo ma si dimentica che proprio il PD(C) è da tre governi alleato con la destra italiana piu' conservatrice che ci sia... 
Ripeto. Se vuoi contare al Parlamento Europeo, devi creare un Gruppo Parlamentare e solo l'Ukip puo' essere l'alleato adatto visto anche quello che contesta da cinque anni
Inoltre, da quelle che sono le notizie, l'accordo prevede liberta' di voto sui singoli temi.
Ma questo i media non lo riportano. Meglio picchiare sul razzismo, sull'estrema destra, sulla xenofobia...
Si viene anche a sapere che diversi parlamentari del Movimento (quanti non si sa) sono pronti a uscire dal gruppo perche' non condividono tale scelta. 
Bene, buon viaggio, addio e buon ritorno alla vostra meschina vita da cerchiobottista.
Godetevi il super stipendio, siete pronti per entrare nel PD(C).

venerdì 30 maggio 2014

Si vince e si perde insieme...

Esistono sport di squadra e sport singoli, negli sport singoli si vince e si perde da soli, in quelli di squadra, i meriti e le colpe sono e si dividono tra tutti.
Certe volte giochi da Dio ma perdi perchè il tuo avversario bara o gioca sporco, o più semplicemente perchè è stato aiutato dall'arbitro... quando perdi, qualcosa è andato storto per un motivo o per l'altro.
Quando perdi devi analizzare i motivi nello spogliatoio... poi devi andare avanti, guardare alla partita successiva e allenarti ancora più intensamente per vincerla.
Siamo solo alla seconda di campionato, siamo secondi in classifica, più tonici e determinati dei nostri avversari...
Tifate per voi.
Nik

lunedì 26 maggio 2014

La democrazia è presente nel nostro paese, ma è Democristiana...

Elezioni con l'affluenza più bassa della storia Italiana.
Proprio per questo dato i due milioni e mezzo di voti in più presi dal PD e il calo di oltre tre milioni del M5S, hanno fatto fare il botto al partito di Renzi che a me ricorda sempre di più la vecchia DC.
Ora potrebbero cambiare nome, suggerisco: PDC Partito Democratico Cristiano. La P iniziale per confondere un po' le idee agli ultra ottantenni che leggendo solo le prime due lettere, PD appunto, continueranno a votarli fino all'ultimo respiro...
Chiaramente se fino a ieri mattina alle ore 7,00 orario di apertura dei seggi, dal Nazareno e su tutti i media di regime collegati si urlava che il risultato delle Europee "non sarebbe stato condizionante per la politica interna", oggi è cambiato tutto.
Ora gli stessi dicono che "è una vittoria anche sul piano nazionale". Davvero penosi.
La macchina organizzativa del PD, comunque, ha dimostrato di essere devastante.
Ai seggi sono stati portati anziani, alcuni con bombole di ossigeno e flebo al braccio, accompagnati da parenti (??), nipoti (??), figli (??), amici. Chiunque li abbia portati, a votare ci sono andati.
Un dato che credo sia incontestabile, è che molti elettori del PD, non sapevano nemmeno cosa dovevano votare. La dimostrazione sta nel fatto che molte schede elettorali, riportavano come preferenza proprio il nome del Pres. del Consiglio.
Forse molti di loro non erano nemmeno a conoscenza di come si votasse e di cosa si votasse...
Ha perso il M5S e questo è un dato certo. La sconfitta è attenuata per la poca affluenza alle urne.
Perchè se vale il discorso per il PD, vale anche per gli altri.
La matematica è un limite invalicabile.
Gli altri.
Forza Italia, nonostante tutto, si piazza terzo partito. Prende il sedici per cento e perde gli stessi consensi del M5S, ma mi chiedo se qualcuno indagherà sulle dichiarazioni di Ignazio Abrignani che parla di voti di FI "prestati" al PD.
I sudditi di  Silvio, difendono la debacle dando la colpa alla magistratura che non ha permesso al loro padrone di poter fare campagna elettorale.
Pazzesco, hanno la faccia come  la parte retro dei Bronzi di Riace.
In un paese normale, Silvio sarebbe in galera. Ma questo ai vari Gasparri, Mussolini, Santanchè, non lo ricorda mai nessuno.
Vince la Lega Nord.che era stata data per morta.
Ora si parla di un'alleanza con la destra estrema di Le Pen.
Però... bell'inizio...
Se il M5S è la sorpresa negativa, quella positiva è Tsipras che riesce ad entrare in Europa.
Tornano le idee di sinistra, le vere idee di sinistra, quelle che il PD ha messo nel cesso da almeno vent'anni.
Ora mi chiedo, visto che SEL sta con Tsipras e quindi all'opposizione a livello nazionale, perchè continua ad essere alleata al PD a  livello locale?  Oltretutto il PD ora, dovrà ascoltare ancora di piu' Forza Italia se vuole proseguire con quel grande progetto che sono LE RIFORME., chieste, a sentir loro, dai cittadini elettori...
Resta fuori Fratelli d'Italia a dimostrazione che per gli estremisti, ha pagato di piu' la campagna della Lega.
Sparisce, per fortuna,  Scelta Civica, che ora realmente si può chiamare Sciolta Civica.
A casa restano anche Iva Zanicchi, Cecchi Paone e Clemente Mastella. Ce ne faremo una ragione.
Gli italiani hanno deciso così, peggio per tutti...
E il peggio deve ancora arrivare... 
Pensiero personale.
Renzi dovrà appoggiarsi a Silvio e quindi si terranno per le palle a vicenda fin quando varrà per entrambi.
A quel punto si andrà a votare.
Il centro destra piu' coeso del centrosinistra  se c'è da non perdere poltrone, si alleerà.
FI, Lega, Ncd, Fratelli d'Italia, Udc e i rimasugli di Sciolta Civica faranno un patto e vinceranno le prossime elezioni politiche.
Chissà come si sentiranno quel giorno gli elettonti del PD. 


Lettera aperta a Beppe Grillo


Lettera aperta a Beppe Grillo, ai parlamentari del moVimento 5 Stelle e a tutti gli attivisti/simpatizzanti del M5S.
Caro Beppe, cari parlamentari e cari attivisti.
Premetto che sto scrivendo questa lettera aperta quando ancora sono l’1.59 del giorno 26, e che probabilmente la vittoria del PD sarà più o meno “grave” di quanto appare adesso, ma tutto ciò non è MINIMAMENTE importante, perché queste votazioni europee sono state la PALESE e DEFINITIVA dimostrazione che in Italia non c’è speranza, non nel prossimo futuro.
Come avete visto in molti paesi europei hanno vinto non solo le cosiddette “forze euroscettiche”, ma una serie di partiti “estremisti” e “xenofobi”, che non hanno comunque niente a che fare con il NOSTRO MoVimento.
Ed invece in Italia vince il PD, un partito che coadiuvato dall’azione del presidente della Repubblica peggiore della storia Italiana, ha cambiato il presidente del consiglio per la terza volta senza passare da elezioni, un partito che è oramai la peggiore espressione del Berlusconismo grazie alla sua nuova (e minore) reicarnazione: Renzi, quel Renzi che fa promesse scandite da date che non mantiene, quel Renzi che parla di “abolizione delle provincie”, ma non le abolisce (anzi aumenta i consiglieri regionali, facendo aumentare i costi), quel Renzi che distrugge definitivamente il lavoro in Italia facendo aumentare il precariato col Job Act, ma questa marionetta di De Benedetti non è il vero “colpevole” di questa sconvolgente verità che abbiamo ottenuto da queste elezioni, ancor più colpevole è l’informazione?
L’informazione “che non c’è” in Italia, un informazione che satura e lobotomizza il cervello di milioni di italiani attraverso mendaci informazioni, attraverso attacchi spudorati al nostro movimento (ricordiamo ad esempio il caso Imu-Bankitalia), e che in tutti questi anni ha nascosto nella maniera più vile le informazioni che in un paese serio si sarebbero avute (non a caso nel rapporto di Freedom House del 2014 l'Italia è al 68º posto nella classifica della libertà di informazione, essendo un Paese giudicato semi-libero) ..ma a dire il vero il vero colpevole della situazione catastrofica in Italia è L’ITALIANO.
Un cittadino che ha perso negli ultimi decenni (quasi) tutte le sue virtù e ha mantenuto ed aumentato tutti i suoi vizi, la speranza del “salvatore” ora identificata in Renzi, uno stupidello bofonchiante che parla del nulla, fautore di finte riforme e neo eletto salvatore della patria;
Come avevi detto tu Beppe queste elezioni erano uno spartiacque, un treno che passava solo una volta per gli Italiani, beh ho una notizia per VOI: l’avete perso, per me la legittimazione il Pd di Renzi adesso c’è l’ha, che distrugga l’Italia con le riforme di chiara aspirazione piduista, che violenti la costituzione, che svenda i nostri patrimoni culturali, non m’importa più, finché resterà il MoVimento 5 Stelle resterò anch’io un cittadino Italiano (anche se forse emigrerò all'estero), e supporterò con il mio voto questo splendido progetto di democrazia dal basso, di cittadinanza attiva, ma lo DEVI ammettere Beppe, tu per primo, questo progetto era perdente sin dall’inizio, poiché nonostante lo stupore d’aver visto alle nazionali l’M5S al 25%, all’italiano medio non interessano valori quali l’onestà e la coerenza, ma la maggioranza degli italiani accetta di buon grado “valori” come il compromesso e l’inganno.
Detto questo, spero vivamente che splendide persone come Alessandro, Luigi, Giulia, Nicola, Riccardo, Roberto, Paola, ecc.. terminino al più presto il loro mandato parlamentare e trascorrano al meglio le loro vite lontano da quel paese che oggi è diventato l’Italia, perché questo paese NON LI MERITA, come non merita una persona che ha dato tutto per questo paese, come te Beppe;
Così come non merita persone come gli attivisti e i simpatizzanti del MoVimento che hanno lottato contro tutti per ristabilire un minimo di democrazia in questo paese. Gli italiani si meritano Renzi. Auguri.
Con affetto,
un cittadino informato,
Stefano.
Se condividi, copia, aggiorna l'orario e cambia il nome.

sabato 24 maggio 2014

Non ho repliche per La Repubblica

Esistono i social network proprio per comunicare.
Uno va sulla pagina che gli interessa, va sulla pagina della persona che cerca e legge.
Chiaramente sta poi alla persona farsi un proprio pensiero su quello che ha letto.
Ma siccome è scritto, piu' che interpretare, ti basta leggere, poi fai tutte le considerazioni del caso, assumendoti le tue responsabilità.
Se sei un giornalista e fai un articolo non riportando quello che c'è scritto su quelle pagine, se non in parte, ma interpretando a tuo piacimento, per me, stai facendo l'ennesima figura di merda.
Se poi oltre ad interpretare riporti mezze notizie, quelle mezze che interessano a te e al tuo giornale, senza approfondire nulla, sempre per me, la figura di merda è doppia.
Perchè quando leggi certi articoli, non sai piu' cosa pensare, vieni messo in difficoltà.
Il lettore ad esempio, potrebbe supporre che chi scrive così potrebbe farlo perchè è comunque un giornalista fazioso e di parte.
Oppure, che  il soggetto dell'articolo sta sulle palle a quel giornalista a quel direttore o anche a tutta la redazione di quel giornale e quindi gli viene fatto un articolo contro e quindi il mestiere del giornalista  non è il tuo mestiere.
In ogni caso, se vai a leggere su una pagina di un social network e poi fai un articolo, o riporti tutto sulla vicenda della quale stai scrivendo, e non solo una parte semmai quella che ti interessa riportare, oppure non scrivi nulla.
Di sicuro, per me, un giornalista obiettivo, riporta l'accaduto, tutto, ma non interpreta o deduce quello che piu' gli aggrada.
Questo vale sempre anche nella vita comune.
Facciamo un esempio:
Se io passando con l'auto uscendo dalla tangenziale, vedo la mamma di un giornalista che conosco, su un marciapiede con panta attillata e tacchi, e intendo che quel giornalista è un figlio di puttana, sto assolutamente sbagliando.
E sbaglia chi fa lo stesso ragionamento.
 La sua mamma potrebbe essere una che è rimasta a piedi, in quella zona, che sta aspettando un taxi, o un amico e, comunque, una donna puo' vestirsi come meglio crede.
Ecco, credo, anzi ne sono convinto, che prima di esprimere un giudizio, meglio rifletterci e capire bene com'è la situazione. Soprattutto se fai il giornalista, se no poi, non puoi offenderti se facendo male il tuo mestiere, qualcuno ti dice che sei fazioso, di parte e, per colpa anche tua, manda a fanculo tutta la categoria...
Nello specifico puo' finire che ti becchi una querela, vieni sanzionato dall'Ordine dei Giornalisti e ne paghi le conseguenze.
Per quanto riguarda la vicenda di Anzola riportata oggi su Repubblica la replica la farà il mio legale, intanto giro il video del mio amico Nik

lunedì 19 maggio 2014

Uscite dalle vostre case....

Giancarlo Cancelleri lo conobbi dopo la traversata dello stretto di Messina di Grillo in Sicilia, ad aspettarci, su quelle splendide coste, c'era lui e uno splendido gruppo di persone pronte a conquistare i cuori e la fiducia dei siciliani. Ieri Giancarlo era a Bologna insieme all'infaticabile Bugani e al grande Marco Piazza per raccontare esperienze vissute in una campagna elettorale fatta di incontri carichi di passione, energia, determinazione e fiducia reciproca. Riuscire ad imprimere in chi ascolta la voglia di provarci, di riprendersi in mano il proprio futuro e di partecipare in prima persona, non è facile, ma le parole semplici spesso riescono a convincere i più scettici, riescono a infondere la giusta dose di passione per una politica diversa, fatta di gente comune scollegata completamente dal sistema tradizionale, annullando di fatto la distanza fra politico e cittadino. Un siciliano in Emilia che racconta la svolta politica dei siciliani dopo anni di torpore, emoziona e alimenta il cuore in modo sconvolgente. Il Movimento è alla ricerca continua di idee, di normalità, di suggerimenti per andare avanti insieme, uscite dalle vostre case e portateci i vostri pensieri per crescerli insieme. Questa volta non ho un video da regalarvi... Avevo con me la mia telecamera, ma è rimasta nella borsa, ho preferito godermi dal vivo le parole di Giancarlo... Max e Marco. Scusatemi ma me li sono regalati Live.
Nik

domenica 18 maggio 2014

Addio Italia

Manca una settimana al voto per le Elezioni Europee.
Il 25 maggio si voterà anche in migliaia di Comuni Italiani.
E' l'ultimo treno. Ferma solo questa volta.
Chi non sale, non solo non salirà piu' ma non permettera' agli altri di salire.
Chi con il proprio voto, consegnerà il potere ad un esecutivo che da sempre non fa nulla per risolvere i problemi reali, sarà correo della morte dell'Italia.
L'Europa è un furto organizzato e architettato per rendere i popoli schiavi.
Continuando a votare sempre gli stessi partiti, aumenterà la schiavitù.
I cittadini conteranno sempre meno, anzi non conteranno proprio più.
Lo stesso discorso vale per le Elezioni Amministrative.
Da decenni sempre gli stessi personaggi, siedono sulle stesse poltrone.
Chi è andato in pensione, ha lasciato il posto il figlio o al nipote.
La cosa pubblica è diventata COSA LORO.
Cementificano, fanno strade, fanno quello che vogliono, ma soprattutto distruggono l'ambiente, sistemano i parenti e gli amici e sempre senza vergogna.
Sto seguendo la campagna elettorale e sentire le menzogne di un pregiudicato condannato in via definitiva
per frode fiscale che dovrebbe essere in galera e quelle di chi è stato condannato in primo grado per danno erariale, mi fa vomitare.
Eppure milioni di italiani voteranno per questi due...
e si potrà dire: ADDIO ITALIA...

giovedì 8 maggio 2014

STANCO....

https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=738372959517574&id=537941982894007&comment_id=738380689516801&offset=0&total_comments=1&notif_t=feed_comment

lunedì 28 aprile 2014

Povera Repubblica e non solo quella Italiana...

Ne ho parlato ampiamente qualche giorno fa in radio e tv.
Ben ha fatto Beppe Grillo ad incazzarsi contro questi articoli di nulla.
Ricordo solo che Grillo, per tre anni, non ha fatto uno spettacolo a pagamento, ma ha girato l'Italia per tentare di smuovere il cervello delle persone. In parte c'è riuscito, ma solo in parte purtroppo.
La Repubblica, giornale che ha me fa sempre più ribrezzo e che ho querelato, ha provato a mettere alla gogna il Blog di Grillo e la società di Casaleggio.
In trasmissione ho detto che se avessero voluto fare del grano facile, Grillo&Casaleggio ci avrebbero messo pochi secondi.
Marco Travaglio ha riassunto, in maniera sicuramente migliore, quanto ho espresso.
Povera Repubblica, Italiana e non solo...



domenica 27 aprile 2014

IL TEMPO E' GALANTUOMO...

Agosto 2012. 
Mentre il Presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani è sotto pressione per la vicenda dei fondi regionali per un  milione di euro, somma erogata dalla Regione stessa alla coop Terremerse guidata dal fratello Giovanni, in quei giorni per pura coincidenza, il quotidiano La Repubblica, pubblica l’inchiesta sulle interviste a pagamento dei consiglieri regionali.
Nei primi giorni vengono coinvolti tutti i partiti, escluso l’IDV e il Partito Democratico.
Io conducevo la trasmissione radio televisiva piu’ seguita a livello regionale. Da me venivano in qualità di ospiti, presidenti di associazioni, titolari di studi legali, addetti stampa di associazioni sportive, etc.. e molti di loro, quasi sempre non sapevo nemmeno quali, avevano regolare contratto con la concessionaria di pubblicità.
Idem per alcuni consiglieri regionali. 
Anche loro avevano un regolare contratto con la concessionaria di pubblicità (il listino era sul sito) ed erano in REGOLA CON LE NORMATIVE REGIONALI VIGENTI. Lo scrivo in grande così per far capire che tutto ciò lo  prevedeva una legge regionale. In tutti i modi, paganti o non paganti, io ponevo le domande che volevo. Se gli ospiti erano di forze politiche contrapposte, spesso in diretta, arrivavano a minacciarsi querele reciproche e al litigio verbale proprio a seguito delle mie domande. Durante la pubblicità in cinque occasioni in due anni, sono stato costretto ad alzare la voce per calmare gli animi che stavano passando dal modo verbale a quello manuale. 
Il caso interviste cresce, io ammetto che ero al corrente che alcuni consiglieri regionali pagavano, ma ribadisco a chi mi poneva queste domande, che avevo piena libertà editoriale, tanto che in moltissimi casi in diretta, oltre a ricordare che quegli spazi erano a pagamento, dicevo all’ospite  contrariato del mio incalzare: “anche se ha comprato questo spazio, faccio le domande che ritengo di fare e se non vanno bene, protesti con il mio editore che se lo riterrà opportuno mi sostituirà..” 
Testimonianza riportata anche in alcune lettere di telespettatori e consegnate a mia difesa all’Ordine dei Giornalisti che su esposto di altri due colleghi (colleghi loro, non miei) decide di mettermi sotto inchiesta.
A distanza di tre giorni, nell’inchiesta spunta anche il Partito Democratico che si comportava come gli altri partiti coinvolti.
Da quel momento i giornali, le tv i media, cambiano obiettivo. Per loro è piu’ deplorevole non che i partiti con soldi pubblici comprino spazi televisivi per farsi intervistare, ma è peggio chi li intervista.
Nel tritacarne mediatico finisco solo io, altri non vengono nemmeno messi sotto inchiesta, anche se alcuni politici raccontano che in tempi meno recenti, qualcuno prendeva denaro per presentare convegni.
(vedi foto)
I giornali montano la vicenda, soprattutto uno, La Repubblica che mi attribuisce dei virgolettati mai da me pronunciati e che l’ANSA rilancia a livello nazionale. Vengo additato come l’essere peggiore al mondo. Enrico Mentana fa un servizio su di me , nel tg serale su La Sette, di oltre quattro minuti. Il giorno dopo chiedo e ottengo il diritto di replica. Chiaramente non mi danno la replica in diretta. Probabilmente non sapendo cosa potrei raccontare dal vivo, la mia replica viene REGISTRATA. Quei tre minuti, nel tg serale, si riducono ad uno spezzatino di 18 secondi complessivi. Si proprio 18 secondi non di piu’ e con la chiusura del grande direttore Chicco che dice parlando di me: “Fantaccini non è nemmeno iscritto all’Albo dei giornalisti, ma è solo un pubblicista…”. Come se essere pubblicista e non giornalista è meritevole di denigrazione. Ma mi chiedo. Possibile che il mega direttore Mentana non sappia che esiste un unico Albo dell’Ordine che si chiama “Ordine Nazionale dei Pubblicisti e Giornalisti”???
Viene quasi da pensare che questa denigrazione (???), storpiando anche il mio cognome, sia stata fatta forse perché, al termine del mio diritto di replica registrato, ho forse detto cosa pensavo del suo comportamento... Le mie parole sono state un po forti

L’inchiesta su di me da parte dell’Ordine va avanti, nel frattempo querelo per diffamazione La Repubblica e Silvia Bignami che firma l’articolo, per avermi attribuito frasi mai dette. Di conseguenza querelo l’ANSA per non essersi informata se quelle frasi erano state realmente da me espresse
Il Consiglio dell’Ordine, con Presidente Gerardo Bombonato, mi sospende per sei mesi. Non sono valse le testimonianze di diversi telespettatori che venuti a conoscenza della mia vicenda si sono presi la briga di scrivere delle lettere a mia difesa (GRAZIE).
Ero reo, secondo l’Ordine, di aver preso in giro i telespettatori che erano tratti in inganno perché non era stato comunicato loro, che alcune trasmissioni prevedevano ospiti a pagamento

Aprile 2014.
Ma nel frattempo la vita va avanti, e come diceva sempre mio padre: 
vai a testa alta, non abbassare mai la guardia, schiena dritta e dignità, il tempo è galantuomo”. Ed ecco che le soddisfazioni arrivano.
Silvia Bignami è stata sanzionato dall’Ordine dei Giornalisti per questa vicenda.
Con Repubblica e con lei, continuerò ad andare avanti nelle sedi giudiziarie.
Il Presidente dell’Ordine, Gerardo Bombonato, viene prima indagato e poi rinviato a giudizio per falso e truffa in merito a un corso, a detta del p.m., pagato dalla Regione e mai portato a termine, quando il Bombonato era Capo Ufficio Stampa dell’assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna.
Bombonato è ancora Presidente dell’Ordine, non si è dimesso e, ad oggi, il Consiglio non ne ha ancora chiesto le dimissioni.
Che vergogna.

Conclusioni.
Con La Repubblica la partita è ancora aperta nella speranza che un magistrato, dopo queste nuove situazioni prenda a mano la mia querela.

Per quanto riguarda l’inchiesta dell’Ordine, penso che essere sospeso da un consiglio presieduto da chi oggi viene rinviato a giudizio per falso e truffa, è da considerarsi un vanto.
Ero a posto prima, lo sono ora, lo sarò sempre.
p.s.
Come mai La Repubblica non ha pubblicato la notizia della sua giornalista sanzionata?
Come mai non ha messo in prima pagina con tanto di foto tale vicenda come hanno fatto con il sottoscritto?
Chiedere scusa no?


venerdì 18 aprile 2014

Ve lo chiedono gli italiani: VERGOGNATEVI


"Ce lo chiede..." è la campagna elettorale del PD...
Si, è vero, ve lo chiedono tutti gli italiani, quelli pensanti, quelli non lobotomizzati, quelli che non sono "a mezzo", quelli che non credono piu' alle vostre promesse, mai mantenute, quelli che non credono a un segretario di partito che ha mentito ai suoi iscritti e a tutti i cittadini italiani, ve lo chiedono quegli italiani che si sono ritrovati un Presidente del Consiglio non votato da nessuno che fa accordi con dei condannati in via definitiva...
Si ve lo chiedono gli italiani. VERGOGNATEVI.





martedì 15 aprile 2014

il virus si sta propagando



Mi chiedo se realmente i "giornalisti" che ascolto nei telegiornali, o nei pochi talk show politici che "intravedo", o che scrivono sui giornali, pensano per davvero quello che dicono e scrivono.
Mi chiedo come possa essere possibile travisare o, ancor peggio, mentire sempre più spesso, in questo modo.
Caso Post di Grillo sulla parafrasi di Primo Levi.
Ma realmente i vari Battista (Corriere), Lerner (Repubblica) e tutta una pletora di servi del regime, politici compresi, sono convinti di quello che hanno scritto e detto e non sono dettati da un proprio tornaconto personale che sia politico, di interesse personale, o per antipatia non tanto verso Grillo, ma soprattutto verso il Movimento 5 Stelle che sta dimostrando di essere nettamente in crescita rispetto agli altri partiti?
Come si puo' stravolgere un pensiero come quello pubblicato sul Blog di Grillo a proprio uso, solo per tentare di riacciuffare qualche voto ormai probabilmente perso ???
Sui media si parla di questo. 
Conviene parlare di questo per tentare di arginare una sicura crescita dei 5 Stelle, alle prossime Elezioni Europee. 
Ma non si condanna l'incontro tra il condannato in via definitiva Berlusconi per frode fiscale e un Presidente della Repubblica auto rielettosi tale, che è il maggior sconfitto dell'alleanza centrodestra - centrosinistra (zero su due non è una gran media) e che dovrebbe avere il coraggio di sciogliere le Camere permettere nuove elezioni e subito dopo, a ruota, dimettersi.
Niente, sui giornali e nei telegiornali questo è tutto normale. 
Non si condanna la presenza di Berlusconi (leggi breve curriculum sopra) che si reca, come se niente fosse, a Palazzo Chigi a dettare le regole al Presidente del Consiglio
Quel Premier, mai eletto da nessuno, condannato pure lui in primo grado per danno erariale. 
Tutto nella norma per i media. Niente di strano. 
Oggi, in un paese normale i titoli dovevano essere:
VERGOGNA. UN CONDANNATO PER FRODE FISCALE RICEVUTO DAL PREMIER...
In un paese normale, ma il nostro non le è.
E nei telegiornali di Stato, oggi si è sentita anche questa: 
"dopo l'incontro Renzi - Berlusconi pare tornato il sereno..." ( TG2 RAI ore 13.00 )
Continuano a demonizzare Grillo, il Movimento, ad invitare in tv e nei giornali,  consiglieri regionali e sindaci che se avessero un minimo di dignità si sarebbero già dimessi... 
Ma come i media, anche loro stanno facendo il gioco del nemico.
Comunque andrà, il Movimento 5 Stelle ha già vinto. 
Il virus si sta propagando.. 

domenica 13 aprile 2014

#FuorilaMafiadalloStato


http://www.beppegrillo.it/2014/04/416ter_partiti.html

Erano liberi di fare porcherie perchè nessuno lo avrebbe mai saputo.
Prima dell'arrivo del M5S era tutto semplice e scontato.
Modificavano le leggi per i loro porci comodi o per quelli dei loro sponsor politici.
Da fuori non si sarebbe mai visto nulla se non quello che volevano farci vedere...
Peccato per loro che la musica sia cambiata e che oggi le loro spudorate alleanze vengano smascherate quotidianamente da quei cittadini che sono entrati dentro i palazzi della politica alle ultime elezioni.
La porcheria sul TAV e sul 416Ter passate dal Senato la settimana appena trascorsa sono solo la punta dell'iceberg...
Non ci fermeremo, continueremo ad informarvi e a informare i cittadini fuori dai palazzi. 
#FuorilaMafiadalloStato
Nikilnero e Dario
http://youtu.be/HomcHyaAgKw

Il peggio deve ancora venire...

Alla fine rischio di ripetermi, anzi so di farlo.
Nell'ultimo pezzo che ho scritto mi chiedevo in quale paese sto vivendo.
Collusione, inciuci, evasione, estorsioni, la politica a braccetto con la mafia...
Questo è il nostro paese.
Dovremmo tirare giù la saracinesca, fare una bella pulizia, riaprire con gente nuova, pulita fresca, onestà, giovane.
Ma come? Cosa stai dicendo?
Abbiamo il Presidente del Consiglio più giovane della storia...
Renzi di giovane ha solo il dato anagrafico.
Da vent'anni in politica, la peggior politica. Quella andreottiana e demitiana.
Per poi passare nel PD (partito democristiano) dove ha ricoperto la carica di Presidente della Provincia e di Sindaco di Firenze, ora, come detto, Premier e nel frattempo Segretario del suo partito.
C'è chi dice che abbia provato anche a correre per Papa, ma non l'hanno ammesso, per ora...
Renzi e' vecchio perché come molti suoi simil-politici, non ha voluto restare indietro e subito si è beccato una condanna in primo grado per danno erariale.
Come i vecchi politici vive di inciuci. Vedi l'accordo con il condannato in via definitiva Silvio, con il quale detta, pardon impone, le regole del nostro futuro e del futuro delle generazioni a venire.
Povera Italia, dove vengono presi a manganellate chi manifesta per il diritto alla casa, quando gli immobili sfitti in ogni città sono decine di migliaia...
Dove vengono presi a manganellate chi protesta contro il Tav, opera dannosa e inutile.
Dove vengono presi a manganellate i pensionati...
Ma il peggio deve ancora venire...
Ne sono più che certo..

martedì 8 aprile 2014

In che paese vivo ?



Mi chiedo ogni giorno di piu', in quale paese sto vivendo.
Gli ultimi tre Presidenti del Consiglio,  non sono stati nè votati, nè tanto meno eletti da nessuno.
Tutti e tre hanno contribuito a ridurre i cittadini italiani, spremendoli come non mai, solo ed esclusivamente a dei bancomat umani.
Loro che da sempre vivono solo ed esclusivamente di politica, che non hanno mai lavorato un giorno in vita loro, insegnano a noi che ci battiamo tutti i giorni per il pane da dare ai nostri figli, come si deve stare al mondo...
Vivo in un paese dove il Presidente della Repubblica si è auto eletto al secondo mandato nonostante avesse detto che sarebbe andato in pensione.
Un Presidente che resterà il peggiore della storia.
Vivo in un paese dove i vertici sono occupati da una serie di Ministri che ricordano la Corrida di Corrado, i famosi "dilettanti allo sbaraglio..."
Un paese che è in mano a cinque mafie: Mafia, Sacra Corona Unita, Ndrangheta, Camorra e quella Politica che è la Holding di tutte.
Un paese che sta crollando, ma nel vero senso della parola e non solo moralmente.
Monumenti e case storiche che rischiano di cadere da un momento all'altro.
Fiumi che esondano perchè nessuno controlla gli argini e terremotati abbandonati al proprio destino...
E intanto loro, sempre quelli, amici, parenti, concubine, papponi, puttane al seguito, figli dei figli ma soprattutto figli di puttana, si spartiscono la torta, leccando pure il piatto e raccogliendo le briciole in terra...
Ma fino a quando?

giovedì 3 aprile 2014

Attivista o no cosa importa?

"Se non sei un attivista..." 
Basta con questa definizione, basta! Cazzo! 
Non è che chi è “attivista” è immune dal fare e dire cazzate, la storia insegna. 
Leggo in giro per la rete e non solo, che qualcuno come al solito critica il metodo e il modo di selezione per i candidati, il lamento è legato alla lista per le elezioni Europee dove ci sono volti di sconosciuti che non hanno mai presidiato il temuto “banchetto” o non si sono mai visti ad una riunione, gente che non si è mai spesa per il territorio o che non ha mai fatto un Vday... 
Ma chi se ne frega, casomai hanno contribuito più di altri alla stesura del programma online o sono persone che per mille motivi non possono fare quello che fanno altri. 
Dove sta il problema?
Avete paura di opportunisti? 
Quelli ci saranno sempre, ci saranno tra pseudo “attivisti” e sconosciuti, la storia anche questa volta insegna amaramente che attivisti della prima ora si sono dimostrati mediocri assoluti. 
Chi sono io per giudicare se non ti conosco? 
Ricordatevi sempre che siamo solo e comunque esseri umani. 
Nik

mercoledì 2 aprile 2014

Europarlamentarie a 5 Stelle tra stupore e mal di pancia...

Molto stupore hanno creato le votazioni in rete per le Europarlamentarie  avvenute sul Blog di Beppe Grillo.
Ma non solo...
Anche  molti mal di pancia.

Stupore perchè hanno passato il turno alcuni sconosciuti. (Sconosciuti poi per chi?) 
Ha passato il turno gente dal volto normale, gente del pianerottolo della porta accanto. 
Commesse, impiegati, gente normale insomma, non imposta da nessuno ma dal cuore grande e animati da una grande passione che gli è stata riconosciuta.
Questo non va giù soprattutto ai media legati ai poteri forti, legati a quella casta politica che li mantiene e che ha sempre mandato in Europa degli scaldapoltrone, dei trombati della politica, ex sindaci, ex deputati, ex senatori, ex di tutto ma non ex poltronari.  
Signori, capisco che per molti di voi raccomandati e leccaculisti sia una cosa sconosciuta, ma si chiama DEMOCRAZIA.
Eletti con pochi o tanti voti non ha importanza, si chiama sempre DEMOCRAZIA.
Faranno bene? Faranno Male? Lo scopriremo a breve. 
L'importante che ci mettano cuore, passione e che rispettino il programma e il mandato degli elettori.
Del resto chi conosceva Di Battista, Taverna, Di Maio, Ruocco, Fico, Lezzi, e tutti gli eletti alle ultime politiche che si stanno dimostrando eccezionali alla Camera e al Senato?

Mal di pancia.
Alcuni personaggi ormai in via di estinzione, parlano di voto pilotato, di voto manovrato. 
Loro che eletti con i 5 Stelle, si sono candidati con altro partito e avevano promesso che si sarebbero dimessi... ed invece... Ormai è passato un anno. Per loro non basterà nessuna medicina, l'estinzione è estinzione...

Questo vale anche per chi, ricoprendo una carica istituzionale, perchè nonostante eletto sempre dai 5 Stelle, non perde occasione per screditare qualunque cosa avvenga nel Movimento stesso.
Anche per loro, vale sempre il: 
se non ti va bene, dimettiti e lascia il posto a quello dopo...
Se no vien da pensare che ambivi solo alla poltrona come gli eletti degli altri partiti, che hai contestato fino a quando, su quella poltrona, non ci hai messo il tuo di sedere..

domenica 30 marzo 2014

La crisi della stampa iniziò quando inventarono la carta igienica

Leggo sulla stampa locale bolognese che alcuni pseudo attivisti sono adirati per la mancata "concessione" a partecipare alle elezioni europee tra le fila del Movimento.
Per l'ennesima volta assistiamo alla fiera dell'assurdo, gente che critica il M5S, Grillo, i portavoce ecc quotidianamente (dopo la famosa dipartita del prode Favia) oggi si chiede perchè non fa parte della lista dei papabili candidati.
E' bizzarro che una persona voglia andare a mangiare in un ristorante che odia e che sconsiglia agli amici, è assurdo ma assolutamente normale, che la stampa non sappia fare distinzione fra notizie importanti e gossip da quattro soldi.
Nik

sabato 29 marzo 2014

NON SI PUO' PIU' PARLARE CON TUTTI....

Succede ad Anzola Emilia, ma immagino anche in altre parti d'Italia...

Al banchetto del Mov5Stelle si avvicina un signore sui settanta anni che saluta e dice:
"Io sono sempre stato di sinistra e sarò sempre del PD (già qui uno capisce con chi sta parlando).
Prosegue: "sono uno che ascolta tutti e accetta il dialogo e le idee anche degli altri." (però, quale magnanimità)
Chiude aggiungendo: " ma voi perchè continuate a sostenere le idee del centro destra? "
Gli ho risposto: " Mi scusi sa, sarà forse l'età, ma lei è in confusione. E' il suo partito che da tre anni sta insieme al centro destra..."
Resta in silenzio qualche secondo e replica:
" Per forza se vuoi governare devi allearti con qualcuno..."

INFERMIERIIIII..... 

p.s.
dopo la sua risposta alcuni di noi sono andati a prendere il caffè, altri si sono girati, io ho aiutato una signora a tirare su la bicicletta che gli era caduta...
NON SI PUO' PIU' PARLARE CON TUTTI....

venerdì 28 marzo 2014

In Europa per riprenderci i nostri diritti...

Ai noi cittadini italiani, ci è stata tolta la Sovranità Popolare sancita dalla nostra Costituzione e quella Economica. Chi ha votato a favore dei vari trattati Europei, non era assolutamente autorizzato a farlo non avendo ricevuto nessun mandato dai cittadini/elettori.  
DOBBIAMO RIPRENDERCI I NOSTRI DIRITTI. 
Vi racconto una storia che in Italia molti non sanno e chi sa tace. Chissà perchè! Ma negli USA è diventato una celebrità. Nel 2013 un giovane statunitense di 28 anni, Thomas Herndon, intento a preparare la tesi di dottorato alla piccola Università del Massachusetts, si imbatte nei numeri della più importante ricerca internazionale a sostegno delle Politiche di Austerity in Europa, realizzata dai docenti universitari di Harvard, Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff, rilevando grossolani errori di calcolo e dimostrando la drammatica inesattezza dell'esito finale, ovvero che fosse insostenibile un debito pubblico superiore al 90% del PIL nazionale. Il Premio Nobel per l'economia, Paul Krugman, gli da atto di aver "confutato lo studio accademico più importante degli ultimi anni". A seguito di quella scoperta il successivo G-20 elimina dai propri documenti ufficiali tutti i riferimenti relativi alle ricerche dei due docenti di Harvard ma non arriva alla soluzione politica di condannare l'austerity e le imposizioni nazionali di tagli alla spesa pubblica e sociale. Ad oggi nessuno, nè la Commissione Europea, né la BCE, né il FMI, riesce a spiegare la base scientifica della richiesta perentoria di rispettare come un dogma il rapporto deficit/PIL annuo del 3% (Patto di stabilità) e quello debito pubblico/PIL del 60%, e come questa condotta sia capace davvero di generare crescita, sviluppo e ricchezza generalizzata.
I dati economici dal 2003 al oggi, dimostrano invece di esser stati la causa della tragedia in atto.
La disoccupazione è dilagante e si colloca percentualmente ed in termini assoluti ad un livello superiore a quello registrato negli anni più bui della Repubblica. Secondo i dati dell’ILO (Organizzazione internazionale del Lavoro) la disoccupazione in un decennio è passata dal 6,1% al 12.2% del 2013 e continuerà ad aumentare fino al 12.7% del 2015-2016.
A ciò si associa il "Rapporto su Occupazione e Sviluppi sociali" dell'UE del 2013 nel quale emerge come l'Italia sia il Paese che ha conosciuto il declino più elevato della situazione sociale di chi lavora con oltre il 12% degli occupati che non riesce a vivere con il proprio stipendio.
La disoccupazione giovanile ha raggiunto i massimi storici (un giovane su due non riesce a trovare lavoro) mentre la media di reddito pro-capite, sempre per i giovani tra 18 ed i 35 anni, si attesta poco sopra la soglia di povertà pur in presenza della generazione più istruita di tutti i tempi.
Tali elementi si sono verificati in un periodo in cui è stata messa in atto la devastazione dei più elementari principi democratici avvenuta nell’adozione dell’Euro effettuata senza alcun consenso popolare, a cui lo scorso anno si è aggiunta l’introduzione del Pareggio di Bilancio e del “Fiscal Compact” che comporterà per lo Stato tagli ulteriori dell’ordine di 50 miliardi di euro all’anno.
Le attuali regole europee impediscono di agire con misure monetarie capaci di risollevare l’economia nazionale o di tassare i movimenti di capitale dei grandi possidenti, facendo ricadere tutte le conseguenze sociali di tale criminale operazione di distruzione definitiva dell’economia di un Paese sulle pensioni, con ulteriori riduzioni, e sui redditi da lavoro pubblici e privati.
Sul fronte delle attività produttive la media di Imprese fallite nel solo 2013 è stata pari a 35 al giorno per un totale di 12.000 in un solo anno (dati di Asso Industria) mentre l’incremento dell'esposizione debitoria delle Imprese ancora in attività è salito da 90.000 euro (2003) a 180.000 euro (2013).
Le Banche hanno contemporaneamente aggravato la stretta creditizia nei confronti delle stesse Imprese e delle Famiglie impossibilitate ad alimentare i consumi per il crollo vertiginoso del potere di acquisto dei redditi da lavoro, nonostante nel 2011 i principi istituti bancari europei abbiano ricevuto 1 miliardo di euro di aiuti dalla Banca Centrale Europea con un tasso di interesse pari all’1%. Tuttavia né la Commissione Europea, né la BCE hanno vincolato le Banche ad usare quei soldi a fini sociali a sostegno di famiglie ed attività produttive, lasciandole quindi libere di applicare tassi di interesse 9-10 volte maggiori e di continuare tranquillamente ad effettuare diaboliche operazioni di finanza speculativa che nulla hanno a che fare con la dignità della vita delle persone.
I dati del Ministero della Salute confermano l’esponenziale aumento di uso di psicofarmaci ed antidepressivi e la moltiplicazione del numero di suicidi trasversale ad ogni fascia sociale.
Nei primi 43 giorni del 2014, 89 sono le persone che si sono suicidate a causa della crisi economica. I media di regime tacciono debitamente quella che può essere considerata a tutti gli effetti come una Strage di Stato perpetrata con le armi della distruzione della speranza e del soffocamento della dignità economica e sociale dei semplici cittadini.  Il 15 gennaio 2014 in Parlamento, il Movimento 5 Stelle ha presentato una mozione per richiedere al Governo di rinegoziare la propria posizione nei tavoli di confronto europei in merito al Fiscal Compact nella prospettiva di arrivare a costruire un nuovo modello di Europa in opposizione all’Europa delle banche e delle lobby economico-finanziarie come crudamente è la realtà odierna. Tutte le forze politiche, di centro, destra e sinistra hanno bocciato il provvedimento nonostante nelle passerelle televisive tutti si riempiono la bocca di proclami contro l’attuale assetto europeo. Il Movimento 5 Stelle non avendo rendite di posizione da tutelare, né lobby ed interessi particolaristici da difendere è arrivato al cuore del problema che tuttavia anche un qualsiasi studente di economia alle prime armi avrebbe compreso: Le attuali regole europee, applicate dalla classe dirigente italiana più scandalosa ed impresentabile della storia repubblicana, stanno ammazzando un Paese nell’impotenza generale dei cittadini. Il Programma del M5S che né scaturito è pertanto un’automatica reazione di difesa dei cittadini nel tentativo di fermare un’ecatombe senza fine:
Stabilire democraticamente con un referendum la permanenza o meno dell’Euro. Abolire il Fiscal Compact ed il pareggio di bilancio adottando contestualmente gli Eurobond per rendere collettivo in questa fase di pesante difficoltà il debito degli stati nazionali. Provvedere immediatamente allo sblocco degli investimenti per le attività produttive supportando le imprese, l’innovazione tecnologica ed il reddito delle famiglie.
Un tempo, un vecchio signore, poco prima di morire ebbe a dire:
“Ci sono periodi, momenti e stagioni in cui il precipizio sembra quasi inevitabile per Te, per i tuoi cari, per il tuo Paese. In nome di quel quasi devi almeno tentare di urlare, raccordando le urla con quello che fai quotidianamente. Magari senza perdere la tenerezza”.
Datemi la possibilità di metterlo in pratica. Ve ne darò atto. 

giovedì 27 marzo 2014

CANE NON MANGIA CANE



La sig.ra Gualtieri, presidente di TPER, prende le difese di Moretti di FS dopo
le sue strabilianti dichiarazioni sul (secondo lui) meritato compenso di
850.000 €.
Non ci meraviglia il fatto che il mutuo soccorso arrivi dalla sig.ra Gualtieri
che nel suo Curriculum ci fa sapere che, oltre ad essere Presidente di TPER,
attualmente ricopre anche questi incarichi:
Dal 2009 membro della Giunta Esecutiva di Assaeroporti
Dal 2011 Membro del Consiglio di Amministrazione di Gradiente SGR S.p.A.
Dal 2012 Presidente di TPER S.p.A. Trasporti Passeggeri Emilia Romagna
Dal 2012 Presidente di Omnibus S.c. a r.l.
Dal 2012 Presidente di SST – Società per i Servizi di Trasporto S.r.l.
Dal 2012 Presidente di TPB S.c. a r.l.
Dal 2012 Presidente di TPF S.c. a r.l.
Dal 2012 Membro del Comitato Direttivo Astra (Associazione Nazionale del
trasporto Pubblico Locale)
Dal 2013 Consigliere di Amministrazione di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A

e in passato invece ha ricoperto questi incarichi:
Dal 1988 al 1989 Consulenza Ministero Industria per la costituzione dell’
Autorità di Tutela della Concorrenza e del Mercato
Dal 1988 al 2001 Direttore rivista “Acqisizioni Fusioni Concorrenza” e banca
dati acquisizioni e fusioni di imprese
Dal 1991 al 1998 Responsabile del Laboratorio di politica industriale di
Nomisma
Dal 1990 al 1993 Collaboratore del Progetto Finalizzato CNR su Organizzazione
e funzionamento della Pubblica Amministrazione –
sottoprogetto Pubblica Amministrazione e Attività produttive
Dal 1995 al 1998 Membro del Comitato di Redazione della rivista “L’Industria”,
il Mulino
Nel 1995 Ministero dell’Industria – Membro del gruppo di lavoro “Incentivi nel
Mezzogiorno e politica industriale
Dal 1996 al 1997 Componente della Commissione sulla Politica Industriale
istituita dal Ministro dell’Industria del Commercio e
dell’Artigianato
Dal 1996 al 1998 Membro della segreteria tecnica del Ministro dell’Industria
del Commercio e dell’Artigianato
Dal 1995 al 2001 Segretario del Comitato Scientifico di Nomisma S.p.A.
Dal 2000 al 2002 Vice Presidente di casa Web-tlc
Dal 1999 al 2002 Membro del Consiglio di Amministrazione di Seabo S.p.A.
Dal 1998 al 2003 Direttore Generale di Nomisma S.p.A.
Dal 2001 al 2004 Membro del Comitato scientifico, Cise-Network Lavoro Etico
Dal 2003 al 2008 Membro del Consiglio di Amministrazione, SIPRO S.p.A.
Dal 2004 al 2008 Membro del Consiglio di Amministrazione di Hera Bologna S.p.
A.
Dal 2004 al 2008 Presidente e Direttore – Ervet – Emilia Romagna
Valorizzazione Economica del Territorio S.p.A.
Dal 2003 al 2009 Membro del Consiglio Direttivo – Fondazione Nomisma Terzo
Settore
Dal 2008 al 2011 Case Coordinatore della partecipazione di Bologna all’Expo di
Shangai
Dal 2004 al 2011 Direttore Generale PromoBologna – Agenzia per il Marketing
Territoriale
Dal 2007 al 2010 Presidente Marconi Handling
Dal 2007 al 2011 Presidente e Consigliere Delegato di Aeroporto G. Marconi di
Bologna S.p.A.
Dal 2007 al 2012 Membro del Consiglio di Amministrazione di Famula On Line-
Gruppo Hera
Dal 2011 al 2013 Membro del Consiglio di Amministrazione di Unicredit
Factoring S.p.A.

In poche parole è la donna ovunque, probabilmente dotata di super poteri.

Capite bene allora perchè si difendono l'un con l'altro. Difendono uno status,
cercano di arginare il pensiero popolare di netta condanna sia dei compensi
spropositati di alcuni manager, sia dei tanti ruoli occupati da altri.
Moretti ha avuto pure la faccia tosta di dire: "Non c'era nessuno che volesse
fare l'amministratore di FS".
Voi credete a una fesseria del genere? Pensate che il nostro Paese non sia
pieno di giovani capaci che accetterebbero quell'incarico ad un decimo del
compenso di Moretti??
E ancora: ritenete che una persona con mille incarichi come la sig.ra
Gualtieri possa garantire la massima qualità nel suo lavoro? E soprattutto,
credete che non ci siano altre persone valide che potrebbero occupare alcuni di
quei ruoli?
Questi signori non hanno nemmeno la decenza di tacere.
Credo sia giunta davvero l'ora di dire basta! In un'epoca in cui milioni di
persone stanno perdendo il posto di lavoro, oppure lavorano senza alcun diritto
e con stipendi da fame, io credo che tutto ciò sia davvero inaccettabile.
Massimo Bugani

ELEZIONI EUROPEE 2014

Comunico di aver dato la mia disponibilità al Movimento 5 Stelle, per le Elezioni Europee...
Ciò non vuol dire essere candidato, ma vuol dire partecipare alla selezione.

In Europa il Movimento 5 Stelle si batterà principalmente per questi punti:
1) REFERENDUM PER LA PERMANENZA NELL'EURO
2) ABOLIZIONE DEL FISCAL COMPACT
3) ADOZIONE DEGLI EUROBOND
4) ALLEANZA TRA I PAESI MEDITERRANEI, PER UNA POLITICA COMUNE
5) INVESTIMENTI IN INNOVAZIONI E NUOVE ATTIVITA' PRODUTTIVE ESCLUSI DAL LIMITE DEL 3% ANNUO DI DEFICIT DI BILANCIO
6) FINANZIAMENTI PER ATTIVITA' AGRICOLE E DI ALLEVAMENTO E FINALIZZATE AI CONSUMI NAZIONALI INTERNI
7) ABOLIZIONE DEL PAREGGIO DI BILANCIO

Grazie a tutti, compreso quelli che decideranno di dare la propria preferenza ad un altro candidato.

domenica 23 marzo 2014

Te la do io l'Europa...

Da più di tre mesi non si fa altro che parlare delle future elezioni europee.
L'affittuario non pagante ex sindaco di Firenze, ha passato i suoi ultimi giorni in Europa.
TV e giornali ci hanno riempito le orecchie e non solo quelle.
L'altra sera Beppe Grillo era ospite sulla Sette e ha parlato, anche, di come sarebbe fondamentale vincere le elezioni europee...
Nonostante questo, i cittadini non sono informati e soprattutto non andranno a votare.
(Cliccate il link in fondo).
Come lo sappiamo io e NikIlNero, sicuramente lo sa anche la casta e, coincidenza, il 25 maggio ci sarà il primo Election Day, si andrà a votare contemporaneamente anche per le amministrative comunali e regionali.
La casta spera così che gli elettonti, votando per il proprio Sindaco, diano il voto al partito, anche per le europee. Purtroppo molti over settanta faranno così...
I partiti sentono il fiato sul collo.
Per il Parlamento Europeo, basterà un solo voto in più per il Movimento 5 Stelle e andranno tutti a casa...
Potrebbe essere la rinascita, lenta, di questo paese, ma e' l'ultimo treno.
Dipende da voi se salirci oppure essere correi della distruzione del futuro dei nostri nipoti.

"Le rivoluzioni non si fanno con le armi, ma con la matita dentro la cabina elettorale."
Paolo Borsellino

Te la do io l'Europa...
http://m.youtube.com/watch?v=yxylAFQjya0&feature=youtu.be

sabato 22 marzo 2014

Giorni Bugiardi ? Bugiardi a vita....



Nella lunga ed interessante intervista rilasciata da Beppe Grillo ad Enrico Mentana, è venuto fuori l'accordo tra Bersani e Letta, che prevedeva come Presidente del Consiglio lo stesso Enrico Letta. 
Beppe Grillo ha parlato di prove certe.
Apriti cielo. 
Subito è intervenuto Pier Luigi Bersani che ha twittato:  lasci stare e stia tranquillo. Le persone perbene so riconoscerle. 
Letta, intervistato dalla stampa di regime, ha smentito qualunque tipo di accordo...
Io mi chiedo, ma questi due alla presentazione "Giorni Bugiardi" che confermano le parole di Grillo, sono Bersani e Letta, oppure due sosia?
Bugiardi a vita... 
http://www.youtube.com/watch?v=C7x1-KXlt0Q



sabato 15 marzo 2014

Ennesima figura di guano...

Come vi ho raccontato la scorsa settimana, a nome del Movimento 5 Stelle di Anzola Emilia ha chiesto il suolo pubblico il più possibile vicino all'URP comunale, così da poter anche eventualmente accompagnare i cittadini a firmare per la propria lista da presentare alle prossime amministrative di Maggio.
Tutto questo per il fatto che non abbiamo un consigliere comunale che ci certifichi le firme al banchetto.
Come vi ho raccontato, quel posto, il migliore del paese a due passi dall'URP e in pieno mercato, era già stato richiesto dal PD e, nonostante la mia personale richiesta al Sindaco Loris Ropa, non c'è stato nulla da fare.
Ricordo ancora le sue parole: "se lo faccio per voi, lo devo fare anche per l'altra lista "
(il centro destra appunto).
Stamani la beffa.
Al posto del PD nel posto migliore del paese chi c'era? Ma il centro destra, che domande...



Il sindaco è passato davanti al nostro banchetto e l'ho fermato chiedendogli spiegazione
Lui ha dichiarato davanti a tre testimoni. (Brunno Cioni, Sergio Sibani e Massimo Venturi)
 " il centro destra ci ha chiesto di poter utilizzare lo stesso posto comunale e quindi faremo un po' per uno."
L'ho incalzato dicendogli che anche noi, piu' del PD e del centro destra, abbiamo necessità di quel posto vicino all'URP e gli ho ricordato che due mesi fa aveva detto cose diverse.
Lui ha risposto in dialetto: " te rason, lunedì vedo come è messa la situazione".
Che io abbia ragione non avevo dubbi prima e non ne ho adesso.
Di sicuro c'è qualcosa che non torna. Al di la del comportamento scorretto tenuto, mi chiedo:
A chi è assegnato quel posto?
Lo posso cedere senza atti protocollati?
Di sicuro un'altra bella figura di guano.
Loro ci saranno anche abituati, ma noi invece chiediamo chiarezza.
Lunedì andro' in Comune e chiederò le copie protocollate delle richieste del suolo pubblico...
Poi vedremo il da farsi.
P.S.
nella foto sotto, il nostro banchetto, come potete vedere un gran via vai,
ma non ci fermeranno, hanno già perso comunque.


mercoledì 12 marzo 2014

Abbiamo perso tutti...


La nuova legge elettorale è stata approvata.
Non ci sono le preferenze,
Prevede Liste bloccate.
Ci sono le multi candidature.
Ha un premio di maggioranza tra i più bassi d'Europa.
Per non parlare delle percentuali per entrare a Montecitorio comprensivi di algoritmo
I collegi sono disegnati ad minchiam
Insomma, la Legge lettorale dettata da Silvio e scritta da Verdini è stata approvata grazie al PD.
Il partito del popolo...
Che questa Legge valga solo per la Camera è un dettaglio...
Che si parli già di Legge incostituzionale, altro piccolo dettaglio..
Tutto quello che Renzi aveva promesso durante le Primarie e poi da Segretario del PD, non è stato mantenuto.
Ma Renzi esulta: "volevano farmi fuori ma ho vinto io",
Si ha vinto Renzi, ma abbiamo perso noi. Noi cittadini italiani, tutti, compreso gli elettori che votano per il PD, quelli che sono andati alle primarie per eleggere il Sindaco a Segretario del loro partito.
Quello stesso partito che non ha approvato la proposta di un proprio parlamentare per istituire le Primarie per Legge per tutti i partiti....
Quel PD che non ha votato il conflitto di interessi...

Chiamatela Italicum, Pregiudicatellum, Forza Italicum, chiamatela come vi pare, ma è una legge elettorale schifosa, figlia di accordi tra i due condannati Renzi e Berlusconi.
Sento i deputati del PD esultare, ascolto la Bonafè, Civati, Speranza e resto senza parole.
Chi la esalta, chi la contesta ma la vota, chi dice che è la  "dimostrazione che il PD puo' cambiare il paese".
Forse è vero, ma in peggio.
Se cambiare il Paese vuol dire approvare questa porcata piu' porcata del Porcellum che permetterà sempre alla Casta di rimanere incollata alla poltrona dorata del potere, meglio non fare altro.
Questo Governo è illegittimo.
E' nato da un accordo tra i due condannati con la benedizione di Re Giorgio.
A proposito Maestà, che farà se questa vergogna dovesse passare anche al Senato?
Metterà la sua firma?
La DEMOCRAZIA è in pericolo di vita?
No, in questo Paese è già morta da un pezzo...