venerdì 31 gennaio 2014

La legge di conversione del decreto legge IMU Bankitalia appare incostituzionale. (Come la mettiamo?)



https://www.facebook.com/notes/ferdinando-imposimato/la-legge-di-conversione-%C3%A8-incostituzionale/10152149354840750

Anzitutto vi è stata violazione del diritto della opposizione del M5S di svolgere le proprie ragioni opponendosi al provvedimento, secondo le regole della Costituzione e il regolamento della Camera
La cd tagliola è incostituzionale, perchè elimina il diritto della opposizione di motivare il suo voto contrario.
La opposizione è parte essenziale della democrazia , i cui diritti vanno rispettati. 
Diversamente siamo in una situazione di regime cioè di dittatura della maggioranza. E stupisce che alcuni dei guardiani della Costituzione tacciano su questo aspetto gravissimo del vero e proprio colpo di mano del Presidente della Camera Laura Boldrini che ha impedito al M5S di motivare la sua opposizione sacrosanta di fronte a dl illegittimo, per difetto, almeno in parte, del requisito di necessità e urgenza.
Ma illegittimo anche in relazione al diritto dovere di spiegare le ragioni del no rispetto ad un decreto che prevede una spesa enorme e affronta temi gravi e complessi, di cui il popolo ignora il contenuto reale. La Presidente della Camera sa che la democrazia non dà tutto il potere a nessuno, ma lo distribuisce variamente a maggioranza e minoranza , che trapassano l’una nell’altra proprio perchè, come insegna Aristotele, l’alternanza è l’essenza della democrazia e prova della libertà.
“Nel contesto costituzionale , tirannide della maggioranza è violare, legiferando e governando, i diritti della minoranza”, insegna Giovanni Sartori. Per cui la legge di conversione approvata il 29 gennaio è incostituzionale . Inoltre la parte del decreto legge IMUBankitalia che riguarda la cd ricapitalizzazione di Bankitalia per 7.5 miliardi di euro si tradurrà nel finanziamento illecito , attraverso Bankitalia , di istituti di credito in crisi, cioè in una donazione di enormi somme di denaro alle banche azioniste che controllano Bankitalia. Che sono Intesa San Paolo (42%), Unicredit (22,11%), MPS (4,60%), INPS (5.00 %), Carige ( 4,03%) e altre banche.
Questa parte del dl , che riguarda Bankitalia, sembra del tutto estranea al DL sull’ IMU, che è imposta sulla prima casa, per la quale poteva essere giustificata la situazione straordinaria di necessità e urgenza ex art 77 sec comma della Costituz. Situazione che non si giustifica con la “ricapitalizzazione”, di Bankitalia.
La verità è che l’Italia con 1,7 trilioni di euro di debito versa in uno stato di disperazione. E se fino ad oggi la BCE ha comprato titoli italiani alleggerendo la pressione sul debito, per l’avvenire la BCE non potrà più continuare a comperare i titoli . Nel 2014 le banche italiane dovranno ridurre l’acquisto del debito italiano, ma i nodi sono venuti al pettine. I soldi le banche li hanno ottenuti attraverso il decreto IMUBANKITALIA a spese dei cittadini su cui graverà il costo finale di questa operazione.
Si tratta di un decreto truffa che vuole cose diverse da quelle che dice: apparentemente ricapitalizzare Bankitalia, che dovrebbe essere patrimonio degli italiani, invece vuole finanziare le banche in crisi , ex banche pubbliche divenute private, che controllano Bankitalia , di cui sono proprietarie.
Questo è il problema. Che fare?
La prima cosa è che il Presidente della Repubblica ai sensi dell’art 74 della Costituzione, prima di promulgare la legge di conversione, chieda con messaggio motivato alle Camere, una nuova deliberazione ( art 74 Costituzione), e come ha già rilevato in relazione al decreto milleproroghe, chieda lo stralcio dei due provvedimenti.
Ma questo è il primo passo da compiere, a mio modesto avviso. Poi in sede di applicazione del decreto IMU, si potrà eccepire davanti al giudice la incostituzionalità della legge di conversione. Purtroppo i cittadini non possono adire direttamente la Corte Costituzionale.

mercoledì 29 gennaio 2014

Scusi la Democrazia? Dopo il confine, passato l'incrocio...



E' ufficiale. La democrazia in Italia non c'è più.
Per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana, un Presidente della Camera, utilizza la famosa TAGLIOLA
Il Presidente è Laura Boldrini in quota SEL,quelli che si definiscono gente di sinistra, vicini al popolo.
La Boldrini, colei che il giorno dell'insediamento disse che avrebbe garantito le minoranza.
Invece passerà alla storia come il primo Presidente, ci auguriamo l'unico che ha applicato questa facoltà che più che tagliola, definisco GHIGLIOTTINA, termine che calza a pannello per ciò che è avvenuto oggi e poi in questi giorni, suona anche meglio..
La Boldrini ha permesso di votare un Decreto Legge che permette a banche private ed assicurazioni di portarsi a casa miliardi di euro di soldi nostri.
Soldi di tutti i cittadini italiani.
Il Mov 5 Stelle parla di 7,5 Miliardi, altri solo 5 o 4.
In ogni caso sempre un euro di troppo di qualunque cifra si parli.
Con quale mandato elettorale l'attuale maggioranza ha potuto permettersi questo?
Non ricordo nulla di questo, in campagna elettorale. 
Ne PD, nè PDL, ma nemmeno SEL aveva questo indirizzo.
E il Presidente Napolitano che farà? Firmerà anche questo?
La Democrazia è uscita dal nostro paese e ci tornerà solo quando i cittadini capiranno...
IO STO CON MONICELLI...



..

Legge elettorale Renzusconi.



Prima perla: Circoscrizioni più piccole e liste bloccate. Invece delle 27 circoscrizioni attuali si passa a circoscrizioni di dimensione minore. Saranno circa 120 collegi (ognuno per circa 500mila abitanti) e in ognuno verranno presentate mini-liste bloccate di 3, 4, 5 o 6 candidati. Non sono previste preferenze. Cosa ne pensate?
Seconda perla: Soglie di sbarramento. 4,5% per i partiti in coalizione (prima era il 5% ), l'8% per i partiti non coalizzati, il 12% per le coalizioni. E' prevista anche una soglia per le minoranze linguistiche nelle regioni che le prevedono: lo sbarramento è del 20% dei voti validi nella circoscrizione dove si presenta.
C'è poi l'accordo per la norma 'salva Lega': I partiti che ottengono il 9% in almeno tre regioni rientrano comunque in Parlamento. Nel caso in cui un partito che facesse parte della coalizione che ottiene il premio di maggioranza non superasse la soglia di sbarramento, i suoi voti concorrerebbero al raggiungimento del premio ma sarebbe comunque escluso dal riparto dei seggi, che sarebbero redistribuiti agli altri partiti della coalizione.
Cosa ne pensate?

Speranza, che siate rispediti tutti a casa...

Topo Gigio Speranza, definisce STUPIDO l'ostruzionismo del Movimento 5 Stelle. 
Stupido chi sta difendendo i soldi degli italiani?
E come definire chi invece sta regalando 7,5 Miliardi di euro a banche private? 
Ma Topo Gigio Speranza, non è l'unico a rilasciare dichiarazioni del genere, c'è chi è andato oltre.... 
In aula altri esponenti della maggioranza arrivano a dire: 
" Se gli italiani pagheranno l'IMU la colpa è da attribuire ai grillini"., 
ed anche: 
" Se gli italiani pagheranno l'IMU vadano a suonare a casa di Beppe Grillo..." 
Se non l'avessi sentito con le mie orecchie non ci avrei creduto... 
E nessun giornalista che abbia il coraggio di ribattere a questi politici che continuano a fare solo gli interessi delle banche... 
P.S.
Basterebbe proporre un decreto legge che riguardasse solo la tassa sulla casa. Perchè infilarci dentro il riassetto di Banca Italia ?? 
Forse serve da foglia di fico per chi si definisce sempre dalla parte del popolo? 

lunedì 27 gennaio 2014

TG 3 DELLA RAI... CHE VERGOGNA...

http://www.beppegrillo.it/2014/01/fermiamo_il_saccheggio_della_banca_ditalia_sosbankitalia.html

Da giorni i parlamentari del Movimento 5 Stelle con i loro interventi alla Camera dei Deputati, stanno protestando. La protesta verbale l'hanno definita "Costruzionismo". Un ostruzionismo costruttivo.
Stanno difendendo il diritto di noi italiani, di non perdere la BANCA d'ITALIA.
Il Governo delle larghe intese, sempre in nome del popolo, ha inserito nel Decreto sull'abolizione (parziale) della seconda rata IMU, la svendita della banca nazionale.
In pratica il decreto permette a banche private di portarsi a casa 7,5 miliardi di euro di soldi dei cittadini italiani.
Di questa protesta del Movimento, nessuno ne parla. Tanto meno il TG3 delle 19.00.
Per l'informazione di regime, RAI 3 per me ne fa parte, del Movimento se ne parla solo, se tre dissidenti, sempre quelli, aprono bocca per dare aria ai denti, o se ne parla, in maniera denigratoria, Matteo Renzi..
Vergognarsi un pochino, no???
p.s.
i cittadini, grazie a Dio, si stanno svegliando, cari amici giornalisti. 

Senza il morto? Non c'è nessuna notizia...

"Senza il morto non c'è notizia capisce".
Ecco come risponde un giornalista di un TG nazionale a un uomo che ha la casa sommersa dall'acqua a Bomporto nel modenese.
Due anni fa il terremoto e adesso l'alluvione, un disastro che fa meno scalpore. L'alluvione non tira giù le case, le riempie solo di fango (vero) e del fango dell'incuria e dell'indifferenza.
Ieri sono andato a riprendere con la telecamera le zone colpite dall'alluvione e vi assicuro che ai piani bassi non si è salvato nulla. Molti commercianti non riapriranno per sfiducia nelle istituzioni e si allontaneranno da quei luoghi, altri ci riproveranno per l'ennesima volta con la speranza di un aiuto del Governo.
La cosa che da più fastidio rimane comunque l'indifferenza dei media, impegnati a raccontare di quando Berlusconi entrò in politica 20 anni fa. Un penoso tributo al condannato con precedenza assoluta. Nessuna traccia di quello che è accaduto nel modenese pochi giorni fa e della situazione d'emergenza nei titoli dei TG, nessun accenno per quella povera gente che ieri sera dopo una settimana, spala ancora fango e butta via i mobili della propria casa con le lacrime agli occhi e il cuore spazzato...
Il perchè rimane racchiuso nelle parole di quel giornalista "senza un morto non c'è notizia", e un semplice vaffanculo non basta più.
Nik

sabato 25 gennaio 2014

Ma i sondaggi li fanno nei loro uffici?

https://www.youtube.com/watch?v=DqL9L81Cv1U

In questi giorni i sondaggisti, si sono dati un gran da fare per promuovere la proposta di legge elettorale proposta dal duo delle meraviglie Renzi & Berlusconi.
Secondo i sondaggi la maggior parte degli italiani sarebbe entusiasta della proposta partorita dal Condannato e dallo Show Man.
Noi, siccome ci "fidiamo ciecamente" dei sondaggi, non abbiamo perso tempo e siamo andati a fare qualche domanda ai cittadini per assaporare con le nostre orecchie l’entusiasmo scatenato con questa legge…
Alla fine ci siamo chiesti come e dove fanno i sondaggi i super sondaggisti politici?
Noi eravamo in Italia.
Nik

venerdì 24 gennaio 2014

Controllare la data di scadenza...



Proviamo a fare mente locale ricapitolando la situazione.
Oddio non è semplice seguire quello che dicono questi pseudo-politici che risultano sempre di piu', agli occhi dei cittadini italiani, portare avanti solo i propri interessi personali ed essere lontanissimi dai problemi della gente comune.
Sembrano lottare solo ed esclusivamente per mantenere i posti di potere e salvare esclusivamente il proprio sedere e poterlo legare, chissà per quanti altri decenni, alla poltrona.
E perchè no, tramandarsi la poltrona di padre in figlio.
Ma proviamoci ugualmente.
Renzi a casa sua fa entrare il pregiudicato.
Cosa partoriscono le due super menti?
Un Porcellum dai toni tenui.
Un Renzellum benedetto dal condannato più famoso d'Italia.
Viene contestato subito da tutti.
Destra, Sinistra (ma c'è ancora?), Centro, Lega Nord e Mov 5 Stelle.
Anche dagli stessi eletti e iscritti del PD. Tra i compagni di partito si litiga su tutto.
Preferenze, premio di maggioranza, liste bloccate, sui nominati, su tutto...
Ma anche nei partiti della maggioranza NCD e SC, non vanno bene questo, non va bene quello...
Ma Goldrake Renzi ribatte, pardon, apre al confronto in questo modo:
Le modifiche vanno bene, ma si fa come dico io se no il Governo va a casa...
E Letta? Che fine ha fatto?
Io da Presidente del Consiglio, con il segretario del mio partito che dice e impone il proprio volere, come sta facendo Goldrake Renzi,  mi sentirei come scaduto dal mio ruolo e per dignità mi dimetterei...
Oggi il vostro Letta è tornato alla ribalta con un grande annuncio.
Mi sono detto, dai ascoltiamo, metti che parli di Lavoro? Di Ricerca? Di Istruzione? Sicurezza? Economia? Si insomma di qualcosa che rilanci il paese...
Macchè. 
Era l'annuncio che i cittadini italiani attendevano da decenni, soprattutto ora che andando al lavoro rischiano di trovare l'azienda chiusa.
Cosa ha detto Il Premier?
"Ben venga la riforma elettorale, ma al primo posto c'è da risolvere il conflitto di interessi, del resto l'Italia lo attende da anni..."
Benvenuto sulla pianeta terra, Presidente...
INFERMIERIIIIIII......

martedì 21 gennaio 2014

Renzusconi SpA


Facciamo due conti per capire il perchè della proposta della società Renzusconi.
La Lega Nord è data al 3,2%, Forza Italia al 21,9% (l'ottimismo dei sondaggi è fantastico), Fratelli D'Italia 2,0%, il Nuovo Centrodestra 6,2%, l'Unione di Centro al 2,0%, Scelta Civica al 2,3% .
Il Partito Democratico, secondo i sondaggi, è vicino alla soglia del 35% e viene dato al 34,2% , SEL al 3,5% altri al 3,5%.
Il Movimento 5 Stelle viene collocato al 21,2%.
In pratica il PD andrebbe comunque al ballottaggio, Forza Italia salvando la Lega Nord (con un patto che salvaguarda i partiti territoriali, entra dalla porta di servizio) in coalizione con NCD (6.2%) potrebbe arrivare seconda e quindi al ballottaggio. Il Movimento 5 Stelle arriverebbe terzo.
Nel caso più verosimile e che non tiene conto dei sondaggi, in quanto specchio per le allodole, il PD prenderebbe tra il 28 e il 30% risultando comunque primo partito, il Movimento 5 Stelle  con il 25/26% (più verosimile) arriverebbe secondo e andrebbe al ballottaggio proprio con il PD.
Forza Italia con un 18% (più verosimile) si piazzerebbe terzo, NCD non supererebbe lo sbarramento del 5% (il 6,2 non esiste nemmeno nelle favole) come gli altri.
Adesso i soci della ditta Renzusconi faranno di tutto per fare guadagnare punti a Forza Italia, la Lega è già salva, si tratta di trovare qualche voto in più per NCD per portarli al di la dello sbarramento del 5% e il gioco è fatto.
Godetevi il film e state attenti alle mosse del duo delle meraviglie, potrebbero stupirvi con effetti speciali del terzo tipo.
 Nik

lunedì 20 gennaio 2014

L'ultimo capitolo

La cosa più difficile è sopportare l'indifferenza e l'ignoranza politica che devasta questo paese. 
Accorgersi giorno dopo giorno che la gente non riesce a comprendere quello che stanno facendo questi buffoni travestiti da segretari di partito e persone innocenti è frustrante. 
Mi sembra di vivere in un incubo dove sbracci e urli per farti ascoltare e nessuno ti ascolta. 
Sono stati presi con le mani nel sacco, sono stati condannati, hanno violato la legge, hanno tradito i loro elettori, hanno cancellato la storia dei loro partiti, hanno affossato il paese e calpestano la nostra costituzione... 
eppure sono ancora li, a discutere una legge elettorale che accontenta solo loro, una legge discussa in una stanza di una sede di partito tra un condannato e un Sindaco assenteista. 
Eppure nessuno si indigna e chi lo fa è costretto ad andarsene. 
Le prossime elezioni dimostreranno che popolo siamo e cosa vogliamo essere, a noi la scelta. 
Nik

domenica 19 gennaio 2014

Ce ne fossero come Di Maio

Come successe in passato per altri parlamentari del Movimento 5 Stelle, ospiti da Fazio a "Che tempo che fa", anche questa volta, coincidenza ha voluto, che Luigi Di Maio, in ventitré minuti di intervista, non ricevesse nemmeno un applauso.
Fazio Fazio...
Complimenti al rappresentante del Movimento, personalmente avrei usato altre terminologie nei confronti di Renzi Berlusconi.
Godetevi l'intervista, merita.
http://m.youtube.com/watch?v=vm0a50lqXfI&feature=youtu.be&a=&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3Dvm0a50lqXfI%26feature%3Dyoutu.be%26a%3D

sabato 18 gennaio 2014

5 Maggio ... la scuola fu....

https://www.youtube.com/watch?v=f4gK2XZaFkk

Il 5 maggio scorso a "Che tempo che fa", facendo persino giurin giurella, Letta prometteva:
"Io mi dimetto se ci saranno tagli alla cultura, alla ricerca o all'università". 

A breve distanza, il 24 maggio, ai microfoni di Radio 24 il titolare del Ministero dell'Istruzione, Maria Chara Carrozza arringava:
"O ci sono margini per un reinvestimento nella scuola pubblica, oppure devo smettere di fare il ministro".

E poi... arriva la verità.
La tabella sui fondi destinati al Miur parlano chiaro: le previsioni in legge di Bilancio per il 2014 assegnano a istruzione, università e ricerca 23 milioni di euro in meno rispetto al 2013.

Abbiamo un mondo dell'istruzione costretto ogni giorno a convivere con scuole sporche, strutture fatiscenti e pericolanti , precarietà endemica degli insegnanti e dei ricercatori (solo per nominarne alcune tra le centinaia di problemi). La priorità assoluta sarebbe una sola: tornare a investire massicciamente in cultura e istruzione.

E infatti il Governo cosa fa? Taglia. Così l'operazione-smantellamento da anni in atto Paese può continuare, con l'obiettivo di rendere il popolo, oltre che bue, anche capra.

Ora, la parola data è la parola data, caro presidente e caro ministro. Quel che avanza sono chiacchiere.

Dunque le alternative sono due: o ammettete che fate chiacchiere e date fiato ai media a suon di slogan e finte lacrime, oppure alle dichiarazioni fate seguire i fatti.

Che fate, vi dimettete?
fonte:
http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/2014/01/scuola-meno-23-milioni-letta-ora-che-fai-ti-dimetti.html


DCM e FPD...



Nemmeno ai tempi della DC c'era tanta DC.
Un tempo c'erano i socialisti, i fascisti e i comunisti... Oggi c'è un grande partito che sotto mentite spoglie inchiappetta gli italiani ogni giorno, questo partitone si chiama DCM (democrazia cristiana moderna) accoglie sotto al sua cappella, Letta che non è di sinistra, Renzi che è la cosa più lontana alla sinistra, Berlusconi che non è mai stato di destra, Alfano che è un grandissimo democristiano, Napolitano da collocare dove fa più comodo, il super democristiano Monti che si colloca sulla torta quando c'è e Casini che non serve a nessuno se non a se stesso.
Oggi due esponenti della DCM si incontreranno nella sede di una delle due costole del grande partito per parlare di legge elettorale e di una fantomatica agenda politica.
Renzi (che dovrebbe essere in municipio a lavorare) incontrerà Berlusconi (che dovrebbe essere in galera) per trovare accordi che salvino gli innumerevoli parassiti parlamentari e dare inizio ad un nuovo progetto politico, l'FPD, ovvero FORZA PD.
E' notizia di pochi minuti fa che Berlusconi si porterà dietro lo zio Gianni e Renzi, forse, il nipote Enrico... Sarebbe bello comprendere se gli italiani se ne fottono o non comprendono la grande presa per il culo messa in opera da questi giullari...
Solo per curiosità e per capire come mai sono ancora dove sono.
Nik

venerdì 17 gennaio 2014

Presidente, ma non e' ora di togliere il disturbo?


Il Vs Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, all'epoca dei fatti era Ministro degli interni...
Ecco le rivelazioni del pentito Carmine Schiavone, uno dei capi della Camorra...
Leggetevi l'articolo.
P.s.
Ma come si fa a difendere ancora un personaggio del genere?
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/16/rifiuti-tossici-schiavone-a-der-spiegel-napolitano-fece-secretare-i-miei-verbali/846862/

giovedì 16 gennaio 2014

VERGOGNA ITALICA...

Il M5S presenta la mozione di sfiducia per la De Girolamo.
Per il M5S è una mozione naturale, un processo che rispecchia il nostro modo di fare politica in modo serio e coerente.
In questi 9 mesi abbiamo chiesto la sfiducia per Alfano, per la Cancellieri, abbiamo aspettato in vano la reazione del PD e di chi si spaccia con gli elettori come il “cambiamento”. 
Il nostro auspicio è che per una volta questi politicanti dimostrino un briciolo di dignità e rispetto per i cittadini. Ora mi chiedo e vi chiedo: cosa dovrebbe fare un politico per essere licenziato in più di quello che abbiamo visto e sentito fare da quelli sopra citati?
Nik

martedì 14 gennaio 2014

E' la Stampa bellezza....

Non ricordo nessuna conferenza di Capo di Stato o Primo Ministro di altro paese, mandata in diretta su Sky che a parlare non ci fosse il Presidente degli Stati Uniti
Nemmeno la Merkel ho sentito in diretta in una conferenza stampa che riguardasse solo il popolo tedesco o qualunque altro argomento che riguardasse solo la Germania.
Spesso conferenze stampa a due sono state mandate in onda. 
Ad esempio la Merkel con Monti quando era Presidente del Consiglio, o con Enrico Letta
Ho assistito a dirette che riguardavano il Presidente della Commissione Europea, ma mai, ripeto MAI una conferenza stampa di un Capo di Stato o Primo Ministro che, parlando ai propri concittadini, fosse mandata in onda in diretta su Sky.
Oggi è successo. 
Sky ha mandato l'intera conferenza di Francoise Hollande che ha parlato di economia, di ripresa, di interventi militari, di disoccupazione... ma che riguardava solo ed esclusivamente il popolo francese.
Argomenti importanti, per il popolo francese.
Ma Sky per tutto il tempo che ha parlato il Presidente Francese, ha lasciato. come sotto pancia, la frase:

CONFERENZA STAMPA HOLLANDE, ATTESA PER DICHIARAZIONE SU CASO GAYET 


Finito di parlare il Presidente ha ricevuto come prima domanda, la richiesta di chiarimenti sulla sua vicenda con quella che è stata definita, la sua amante. 
Hollande è stato meraviglioso. In pratica ha detto in maniera educata e civile: 
"NON E' QUESTO IL LUOGO E IL MOMENTO DI PARLARE DI UNA MIA FACCENDA PRIVATA..."
In pratica fatevi i cazzi vostri.

Questo è l'accaduto. 
La cosa vergognosa è l'interesse morboso a livello di gossip becero da parte della stampa...
Sky ha fatto anche vedere il nuovo gioco che "impazza". Hollande in scooter che deve evitare le sue ex...
Ma vi rendete conto?
In studio si sono anche domandati: "Ma la Francia ha ancora la premiere dame???"
Rispondo io a nome di tutti gli italiani intelligenti, non ce ne frega un cazzo....
p.s.
La compagna del Presidente lo ha già perdonato... 

lunedì 13 gennaio 2014

Ricapitoliamo.

Per la prima volta nella storia del nostro Paese, viene chiesto ai cittadini di esprimersi su una legge.
La legge in questione è quella sul " reato di clandestinità." in discussione domani al Senato.
Il Movimento 5 Stelle dovrà attenersi alla decisione dei votanti.
Alla votazione partecipano, quasi 25 mila persone.
Per l'esattezza 24.932, che si esprimono se abrogare o mantenere tale reato.
RIPETO. E' un fatto epocale.
Ma all'informazione di regime non interessa questo.
Preferisce dare risalto alla protesta di alcuni parlamentari " dissidenti " del Movimento stesso che non hanno gradito il poco tempo a disposizione. Come se sette ore fossero poche.
Ma non è abbastanza.
Bisogna anche interpellare la base, chiaramente quella scontenta... Di cosa poi?
Del fatto che questa votazione non era stata annunciata e che alla fine la votazione non è controllata.
Secondo loro, mette in evidenza l'informazione di regime,  il voto è truccato.
Poi i giornali si offendono se Grillo li manda a fanculo...
p.s.
Per la cronaca hanno votato a favore dell'abrogazione 15.839 e contrari all'abrogazione 9.093.
Ricordo che il procedimento di espulsione rimane immutato a prima.

Ah... Dimenticavo, Casaleggio era favorevole al mantenimento.
Per uno che dovrebbe truccare le votazioni non è una gran figura...
Ma questo all'informazione di regime non interessa...

Ogni tanto la verità trionfa

Qualche giornalista ancora obiettivo c'è.
Guardate che figura di merda che riescono a fare i due politici presenti in studio
http://www.youtube.com/watch?v=rPrhgKm4tI8

domenica 12 gennaio 2014

LA REPUBBLICA MI FA SEMPRE PIU' SCHIFO...



Come spesso scrivo, per lavoro devo leggere anche i quotidiani... sono costretto, purtroppo...
Ritengo quasi tutti carta da culo, ma ce n'è uno in particolare che piu lo leggo, piu' mi da la carica e più mi convince che Beppe Grillo ha ragione.
Questo giornale è La Repubblica.
Per questo quotidiano ho coniato un titolo ad hoc: LA MENZOGNA ILLUSTRATA.
Quando vado all'edicola dico: " LA MENZOGNA ILLUSTRATA, GRAZIE" e l'edicolante sa già cosa darmi.
Oddio non è che gli altri siano migliori, ma secondo me, questo giornale utilissimo per la gabbia del mio pappagallo, supera tutti.
Anche oggi è strepitoso sul caso De Girolamo. 
L'ho sfogliato due volte perchè pensavo di non aver visto la notizia... 
Invece proprio nulla. 
Zero righe sul Movimento 5 Stelle.
E dire che proprio il Movimento l'8 Gennaio ha chiesto che il Ministro andasse in Parlamento a riferire sulla vicenda che la riguarda. 
Ma Repubblica preferisce dare spazio alla Puppato che, in pratica chiede la stessa cosa, ma con quattro giorni di ritardo.

Il blog di Grillo fa un post contro due quotidiani, 
La Nazione e la Repubblica, rei di disinformare i cittadini e di non riportare realmente le cose. 

La Repubblica si inalbera e urla allo scandalo, solo che proprio i suoi lettori danno ragione a Beppe Grillo.

Ennesima figura di merda.

Continuate pure così,  ma sarà ancora per poco...i cittadini si sono svegliati... 

sabato 11 gennaio 2014

E' ora di crescere....anche in Sardegna



http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/11/elezioni-sardegna-m5s-senza-lista-zappadu-massoni-infiltrati-grillo-sapeva/838887/

Oggi ho letto sul Fatto Quotidiano l'intervista a Antonello Zappadu. 
Zappadu voleva diventare consigliere regionale in Sardegna con il Movimento cinque stelle, ma come tutti sanno, il M5S in Sardegna(a questo giro) non ci sarà. 
Zappadu a questo punto ci riprova con la lista di Michela Murgia, nonostante continui a dichiararsi “5 Stelle in tutto e per tutto” (se fosse vero non si sarebbe candidato in un'altra lista
Nell'intervista, Zappadu (riferendosi a Grillo) dichiara 
"Quello che gli rimprovero è di non essere venuto qui, di non aver mandato nessuno a darci una mano". 
Alla domanda: A fare cosa? Zappadu risponde "Isolare gli infiltrati, neofascisti, massoni. Grillo sapeva benissimo cosa stava succedendo, dai primi di ottobre… sapeva che c’era gente che era arrivata per rovinare il Movimento, doveva venire qui a fare il carabiniere invece li ha lasciati fare". 

Figli miei, mettetevi d'accordo, se volete la balia per tutto non si va da nessuna parte, è necessario darsi una mossa, pensare al bene comune e mettere da parte i personalismi. 
Qui c'è chi si lamenta perchè si sente imbrigliato da fantomatici diktat dall'alto e chi vorrebbe un carabiniere per fare da guardia al fortino... 
Francamente, mi sembra di sognare. 
Il M5S fa politica per cambiare il paese e non per riempire delle liste di nomi... 
Questo paese non ha bisogno di altri partiti, ha bisogno di un progetto reale, se non ci sono i presupposti e le persone per metterlo in atto, il movimento ci sarà la prossima volta. 
Iniziate a create gli anticorpi... eliminano i parassiti. 

Nik

mercoledì 8 gennaio 2014

Ennesima figura di guano...



Ricapitoliamo.
Gli insegnanti aspettano da alcuni anni gli scatti di anzianità e l'aggiornamento economico del proprio stipendio. 
Lo Stato anticipa 150 euro lordi.
Ora gli scatti arrivano e il Ministro Saccomanni chiede indietro i 150 euro anticipati.
La categoria Insorge. Trova appoggio oltre che dai propri sindacati anche dal Ministro dell'Istruzione, dai partiti, anche quelli della maggioranza, e dall'onnipresente Matteo Renzi che dice: "Non siamo su scherzi a parte..."
I media scrivono e parlano della vicenda per un giorno intero, ma  ventiquattrore dopo, il Governo Letta fa dietrofront e non vuole piu' indietro i soldi già anticipati...
Renzi si attribuisce il merito,
Saccomanni parla di errore di comunicazione,
Letta tira un sospiro di sollievo...

Domandine semplici semplici.
I soldi erano dovuti oppure no?
E se si, perchè ora non devono piu' essere restituiti?
Chi è o sono i responsabili di questa figura di merda?
Pensare di fare il bel gesto di dimettersi?

Non hanno più vergogna di nulla...

Alta velocità per cosa?

Il parere arriva dalla seria Svizzera: la linea ferroviaria Torino –Lione  è inutile, perché il transito di merci tra Italia e Francia è quasi allo zero. In valle di Susa, si apprende, transita appena un decimo del carico che già ora potrebbe essere tranquillamente trasportato. Da sottolineare che a essere semi-deserta è la linea ferroviaria attuale, la Torino-Modane, appena riammodernata.
Va da sé che se già la line esistente è sottousata, che senso ha realizzare un doppione, che è poi la Tav, a cui tutta la Val di Susa si oppone con forza da trent’anni, sostenuta anche da pareri di esperti e docenti universitari, che ne sottolineano l’impatto ambientale devastante, pericolosa per la salute e letale per il debito pubblico, dato che costerebbe almeno 26 miliardi di euro. Ma soprattutto: la grande opera più contestata d’Italia sarebbe completamente inutile.  Luca Giunti, attivista No-Tav e referente tecnico per la Comunità Montana valsusina dichiara: “«Il traffico globale tra Italia e Francia avrebbe potuto tranquillamente essere ospitato soltanto sull’attuale ferrovia, e senza neppure riuscire a saturarla completamente.
Invece, sulla direttrice della val Susa è transitato appena un decimo delle merci trasportabili ed il trend è in continua diminuzione”.  Per contro, la frontiera di Ventimiglia ha accolto, da sola e quasi interamente su strada, 17,4 milioni di tonnellate, 3 in più di quelle piemontesi. “Laggiù la ferrovia ha stretti vincoli e andrebbe ammodernata, con spese e disagi tutto sommato contenuti perché si lavorerebbe a livello del mare e senza dover traforare le montagne. Inspiegabilmente, invece, quel passaggio è trascurato da ogni politica”. Ma il Governo italiano insiste nel voler realizzare la linea ad alta velocità, i cui benefici si potranno vedere solo nel 2070, sempre che le previsioni di incremento dei traffici si  realizzi. Le iniziali previsioni di incremento si sono rivelate pura fantascienza, messe a confronto con la realtà. Già oggi, conferma la Svizzera, in valle di Susa il traffico potrebbe crescere del 900%, senza bisogno di nuove ferrovie.
Fonte: www.contropiano.org

lunedì 6 gennaio 2014

Omertosi a Firenze...

Sono stato con Nik a Firenze.
Abbiamo sperato di incrociare il Sindaco, ma c'era una probabilità su mille di riuscirci ed infatti...
Allora abbiamo chiesto ai suoi concittadini cosa ne pensavano del suo operato...
Abbiamo trovato, chiaramente da chi lo contestava, un' omertà inaspettata.
A microfono spento tutto il male possibile, ma come chiedevi di ribadirlo al microfono, niente da fare...
Omertosi a Firenze.
Alcuni intervistati, e' giusto dirlo, trovano positivo l'operato di Renzi in città.
Moltissimi, ahimè, lo apprezzano non per quello che ha fatto, ma per come parla, perché è giovane e per come si comporta in televisione (infermieriiiii...).
A onor del vero c'è da dire che ho trovato il centro, completamente pedonalizzato, pieno di turisti, pulito e senza graffiti...
Merola, prenda appunti...
Godetevi il video e alla prossima ...

m.youtube.com/watch?v=BfEnij_AmhE&feature=youtu.be&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3DBfEnij_AmhE%26feature%3Dyoutu.be

P.s.
Per intervistare una cinquantina di fiorentini siamo impazziti...
Trovarne qualcuno e' stata un'impresa...

sabato 4 gennaio 2014

Le vittorie in soli dieci mesi del Mov 5 Stelle...

Da Il Fatto Quotidiano:
Il primo segno di maturità lo dà la rete, nel pieno del caos da entrata in Parlamento. Ad aprile gli iscritti scelgono come candidato Presidente della Repubblica Stefano RodotàE’ il nome che spezza la sinistra: il Pd non ha il coraggio di sostenerlo e i 5 Stelle segnano un punto. Poi passano i mesi e imparano che non ci sono solo gli scontrini di cui discutere. La media di presenze del gruppo in Parlamento si attesta intorno all’87%. Oltre 200 le leggi depositate, circa 2000 le interrogazioni. 
E ora chi glielo dice a Renzi? 

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/03/il-2013-dei-5-stelle-dalle-polemiche-sulle-espulsioni-alle-leggi-mancia-stoppate/823685/


I Petomani

Certe persone sono davvero meravigliose e certi giornali gli danno credibilità e spazio (vedi Il Fatto Quotidiano Emilia Romagna) come mai si era visto nella storia della letteratura da culo quotidiana... nessuno ha mai preso in considerazione i dolori intestinali di un consigliere di quartiere, ma per il M5S gli strappi alle regole sono sempre più consuetudine (basta contare il numero di commenti per capire il motivo) ad ogni scoreggia corrisponde un tiro di sciacquone... e a Bologna c'è chi soffre terribilmente di meteorismo. A Bologna ci sono ancora vecchi baluardi con qualche pretoriano accanito sostenitore di ciò che fu e che svanì nel nulla come un peto mattutino. A Bologna ci sono ancora piccoli consiglieri adirati per aver perso la speranza di trasformare il Movimento in partito e per non essere riusciti a cancellare Beppe Grillo dal simbolo. A Bologna ci sono scribacchini di lettere a 6 mani... chi le condivide lo fa perchè  non ha il coraggio di parlare quando ne ha l'occasione. Nella vita certe volte ci accorgiamo di non essere nel posto giusto, di essere entrati in un luogo che non ci piace, che non ci appartiene e che non ci rappresenta per mille motivi, certe volte ci accorgiamo di aver varcato la porta sbagliata, ma nessuno ci obbliga a rimanere, la porta è sempre aperta, anche per uscire... chi rimane lo fa per distruggere, non ci sono altri motivi.  Nik

giovedì 2 gennaio 2014

Perche' i dipendenti FIAT sono in cassa integrazione?



La FIAT, compra Chrysler.
EVVIVA, Tutti euforici.
La Borsa festeggia, il titolo sale. Per chi poi? Sempre quelli...
E il Lingotto come compra l'azienda statunitense?
Costo totale: 3,6 Miliardi di dollari, e una parte la salda in contanti con i soldi che ha in cassa.
La cifra? 1.075.000.000 di dollari.
La scrivo in corsivo: UN MILARDO VIRGOLA SETTANTACINQUE MILIARDI DI DOLLARI...
Parliamo,circa, di TRE MILA MILIARDI DI VECCHIE LIRE...
Si, li avevano in cassa, ed immagino che non fossero gli unici, qualcosina sarà rimasto sicuramente...
Allora mi chiedo. Se la FIAT ha tutti questi soldi in cassa, perchè i cittadini italiani devono mantenere da anni con la casa integrazione le migliaia e migliaia di dipendenti dell'azienda di Torino?
Qualcuno me lo puo' spiegare??
p.s.
NON CI SIAMO PROPRIO PER NIENTE... 

Una giornalista seria...


Ce ne fossero di Gabanelli...

http://www.lafucina.it/2014/01/02/la-gabanelli-affonda-la-classe-politica/?fb_action_ids=10202843178586384&fb_action_types=og.likes&fb_source=other_multiline&action_object_map=%5B206279112896573%5D&action_type_map=%5B%22og.likes%22%5D&action_ref_map=%5B%5D

p.s.
Su questo blog e sulle nostre pagine di Facebook, abbiamo scritto spesso le stesse cose...

Ma quale Tradizione Popolare... Povera Bologna...



I giornali che, ormai da un pò, considero di partito, fanno il resoconto dell’ultima notte del 2013 passata a Bologna.
E’ tutto un susseguirsi di applausi.
Applausi alla Giunta guidata dal Sindaco Merola.
Una serata meravigliosa, ricca di gente che veniva da tutta Italia, che si sono divertiti un sacco
Leggo anche l’intervista rilasciata a Repubblica, dall’Assessore alla Cultura (???) Alberto Ronchi e mi accorgo che realmente queste persone sono lontane dalla realtà quotidiana.
O forse vivono in un mondo tutto loro…
Per l’Assessore trentamila persone, giovani, anziani, studenti e famiglie si sono divertite e hanno passato una splendida serata con il naso all’insù ad ascoltare la musica rock splendidamente mixata dal Palazzo del Podestà, dal “leggendario” Peter Hook…
Per la questura ce n’erano un terzo di meno. In ogni caso davvero tanti, ma direi i soliti.
Ma forse non erano li’ per ascoltare, soprattutto anziani e famiglie, la musica rock.
Erano lì, e senza forse, per tradizione.
Assessore Ronchi glielo ripeto: TRADIZIONE.
Tradizione che vuole la Piazza storica bolognese, sempre piena ad ammirare il VECCHIONE  che brucia.
Già… il Vecchione che da anni non brucia più.
Lo scorso anno è stata bruciata una scimmia gigante con la chiave a molla nella schiena. Quest’anno un annaffiatoio bucato simbolo della lotta agli sprechi.
Si poteva iniziare a ridurre gli sprechi proprio non spendendo soldi dei cittadini in questo modo.
O no?
“Abbiamo creato un modello che funziona. Non c’è bisogno di spendere milioni di euro per la Cultura e non ci interessa avere la diretta tv. Lo spettacolo che avete visto è costato solo 190 mila euro…” Ha detto l’Assessore parlando di Cultura Popolare..
Se parliamo di Cultura Popolare, egregio Assessore, ridia ai bolognesi il Vecchione.
Quella è di sicuro Cultura Popolare Bolognese.
Per me 190 mila euro per una notte, che in ogni caso avrebbe portato in Piazza Maggiore e zone limitrofe ugualmente decine di migliaia di persone, sono una spesa esagerata.
Gradirei il rendiconto delle spese, grazie.
Parliamo sempre di 380 milioni di lire del vecchio conio... e solo per una notte...
Se poi in passato si sono spesi milioni di euro, parole dell’assessore, per avere la diretta tv, bè io li farei tirare fuori a chi ha stabilito di spendere i soldi dei cittadini in questo modo…
Si applaude alla presenza di migliaia di giovani provenienti da altre città e regioni…
Forse perché a Bologna è permesso di piu’ che in altre città? Il sospetto nasce…  
Veniamo alla sicurezza e ordine pubblico.
Nonostante i divieti non è andata benissimo.
Capisco che controllare tutto è difficile, ma leggere (sempre su quei giornali) che è andato
“nel complesso tutto bene", per me non è corretto… per non dire altro.
 Provo a riassumere quanto mi hanno raccontato i ristoratori aperti nelle zone del centro storico durante la notte di Capodanno ed anche amici che hanno avuto la sventura di voler fare un giro in centro.
Ubriachi ovunque.
Vomito e orina ad ogni angolo.
Gente per terra semisvenuta in preda all’alcool.
Vasi e fioriere rovesciate e o distrutte.
Vetri ovunque (ancora presenti dopo due giorni).
Biciclette e motorini semi distrutti da atti vandalici (ancora presenti dopo due giorni).
Lavoratori che hanno dovuto litigare per allontanare le persone sedute sui propri mezzi rischiando la rissa…
Il Capodanno a Bologna è sempre peggio e va raccontato interamente e non solo quello che si vuole o che fa comodo..

Giorgio Napolitano: " Anche la politica faccia sacrifici... "

Lo Stato destina 228 milioni di euro per il funzionamento del complesso macchinario del Quirinale. 
A parte sono considerati i 239.182 euro devoluti dal Tesoro come «assegno del Presidente», lo stipendio di Re Giorgio è di 20mila euro lordi al mese. 
Al Quirinale ci sono 799 dipendenti, 102 collaboratori e 819 addetti delle forze di pubblica sicurezza che in totale fanno 121,5 milioni di euro
Altri 90,4 milioni se ne vanno per le pensioni dei dipendenti. 
Per l'approvvigionamento di beni alimentari si spendono poco meno di 424mila euro, mentre altri 180mila euro se ne vanno in servizi accessori e collaborazioni esterne. La manutenzione degli immobili costa 3,2 milioni, quella degli arredi 610mila euro.
Il nostro caro presidente paga una bolletta elettrica di 1,8 milioni di euro, una del gas di 762mila euro e quella dell'acqua 573mila euro

Per agenzie, pubblicazioni e banche dati si spendono 561mila euro all'anno
I viaggi di Stato costano 280mila euro, doni e regali vari 167mila euro
E il parco auto del presidente
Per la sua gestione si spendono 660mila euro. Le iniziative a carattere solidaristico valgono 953mila euro tra i quali 200mila euro di contributo all'accademia delle Scienze per le attività nella tenuta di Castelporziano... 
Servono sacrifici caro Presidente, decida lei da dove iniziare a tagliare, dia il buon esempio, qui c'è l'imbarazzo della scelta. 
Nik

mercoledì 1 gennaio 2014

Un discorso inaccettabile....

Napolitano tra le tante che ha detto ieri sera, ha affermato che serve un cambiamento della politica, che detto da uno che in politica c'è da 60 anni è un paradosso e un azzardo.
Poi si è spinto oltre e ha avuto il coraggio di dire che 
"L'uscita dalla crisi è fondata anche sul coraggio degli italiani" 
aggiungendo "L’anno che sta per iniziare deve essere diverso e migliore, per il Paese e specialmente per quanti hanno sofferto duramente le conseguenze della crisi” .
Caro Presidente, i discorsi pre impacchettati fanno davvero ridere, sentirla parlare di coraggio, sacrifici e crisi mi fa sorridere e incazzare. I due mondi sono separati da una cortina di ipocrisia e mancanza di rispetto assoluto e continuare a comunicare come fa lei è offensivo per chi lavora come un mulo per quattro soldi, per chi non lavora, per chi un lavoro l'ha perso e per chi non lo trova... Parlare senza sapere non le fa onore, parlare senza avere mai provato l'ebrezza di un misero Natale, senza aver mai percepito la sensazione di non farcela più, non la rende credibile, scenda dal piedistallo, esca da quel palazzo e provi ad ascoltare, sentirà solo urla di dolore, di gente stremata e disperata. Esca dalla sua auto blindata e si liberi della scorta, venga a calpestare la terra dei giusti... 
La coscienza non si lava in 20 minuti davanti a un bottiglia di spumante buono e una fetta di panettone da 30 euro, serve molto di più caro Presidente... Molto di più. 
Nik